Gli Eventi

 

Era il 14 ottobre 2006 quando Roberto Galati, classe 1991, dava il via alla nostra avventura con questo post sul blog di Ferrovie in Calabria…

Ai tempi, io e Roberto ci conoscevamo già da 1 anno (14 novembre 2005) ed insieme “lottavamo” sui vari forum ferroviari per dare voce alle vicende ferroviarie della Calabria che, in quegli anni, ancora poteva vantare un sistema ferroviario che in confronto ad oggi era decisamente più ricco e vario…e aggiungerei, anche più funzionale.

Eppure, ci lamentavamo sempre di qualcosa, ma non per semplice gusto di farlo, bensì perché avremmo voluto sempre il meglio e, forse, anche perché avevamo già capito cosa ci sarebbe stato in futuro…

Ci lamentavamo dell’Espresso 890/893 che non aveva il nomignolo come gli altri, del fatto che gli InterCityNotte 766/763 “Scilla” e 750/753 “Piepoli” (subito dopo divenuto “Tommaso Campanella”) avessero sostituito gli Espressi 814/803 e 826/835 aumentando il prezzo del biglietto a causa del supplemento per treni rapidi, dell’Espresso 908/905 “Freccia Adriatica” che faceva troppe fermate, del fatto che eravamo orfani di collegamenti come l’InterCity 692/697 “Pitagora” e l’InterCity 744/745 “Velia”.

Ma, come abbiamo detto, erano altri tempi in cui potevamo contare su un servizio ferroviario di livello e che, a parte qualche defezione, presentava orari regionali cadenzati quasi tutte le tratte ferroviarie della Regione.

Le nostre battaglie le abbiamo iniziate proprio da questo blog, per descrivere (proprio come diceva il buon caro Roberto) la situazione ferroviaria della nostra Regione e inserirci dentro tutte le novità e, soprattutto, le nostre proposte (che altro non erano che un reintegro dei treni soppressi nel corso degli anni precedenti).

Oggi come allora, queste battaglie continuano, ed anche se abbiamo assistito alla morte del servizio a lunga percorrenza sulla nostra dorsale Jonica, al ridimensionamento di quello presente sulla Tirrenica, al taglio dei servizi regionali in tutto il territorio, alla chiusura di alcune delle tratte a scartamento ridotto di Ferrovie della Calabria, abbiamo potuto comunque festeggiare per alcune piccole, ma significative “vittorie”.

Su tutte, mi preme definire “vittoria” l’essere diventati un’Associazione riconosciuta (dicembre 2012) con tanto di Statuto e Consiglio Direttivo.

Da qui in avanti, siamo stati i fautori di altre vittorie, alcune delle quali:

- ripristino del Treno della Sila (dapprima sulla tratta Cosenza - Rogliano, tra il 2014 ed il 2016 e successivamente dall'agosto 2016 sulla tratta silana tra Moccone e San Nicola Silvana Mansio);

- stipulazione di una convenzione di collaborazione con l’azienda Ferrovie della Calabria S.r.l. relativamente al “Treno della Sila” e a tutte le iniziative a esso connesse; - elaborazione del sito www.railbook.it per la prenotazione dei posti a sedere sul Treno della Sila, oltre che di attività connesse al treno (ristorazione, itinerari turistici ecc) relativamente alle iniziative organizzate dall'Associazione. Al portale Railbook stanno aderendo sempre più associazioni italiane impegnate nell'ambito dell'organizzazione di treni turistici;

- sviluppo del progetto turistico “Velorail” per le ferrovie a scartamento ridotto calabresi;

- avviamento del progetto Scuola - Ferrovia (sempre in collaborazione con le Ferrovie della Calabria S.r.l.);

- ripristino delle fermate per i treni regionali a Lamezia Terme Sambiase;

- ripristino di alcune coppie di collegamenti regionali diretti tra la Ferrovia Jonica e Lamezia Terme Centrale;

- attivazione di due coppie di InterCity Reggio Calabria Centrale - Taranto e viceversa;

- attivazione della fermata a Rosarno per le due coppie di Frecciargento Reggio Calabria Centrale - Roma Termini e viceversa;

- potenziamento dell’infrastruttura ed elettrificazione della dorsale Jonica (anche se per adesso relativa alla sola tratta Sibari - Catanzaro Lido e Catanzaro Lido - Lamezia Terme Centrale);

- organizzazione di eventi socio - culturali come il “Treno della Magna Grecia” con annessa visita al Museo Archeologico di Locri Epizefiri;

- sensibilizzazione delle istituzioni verso i problemi del trasporto ferroviario in Calabria con conseguenti collaborazioni reciproche;

- avvio della costituzione del Museo della Ferrovia Jonica presso la stazione RFI di Soverato;

- continua campagna di promozione del servizio ferroviario (turistico e pendolare) per i cittadini calabresi.

Tutti questi obiettivi e tanti altri che a noi stessi sfuggono per il notevole numero, sono stati raggiunti con tenacia, determinazione e passione, anche se purtroppo il tempo esiguo a disposizione e la dislocazione di molti associati in altre zone d’Italia, rendono difficile l’unione in senso fisico della cosa; ma non demordiamo, un contributo ci sarà sempre da chi risiede al di fuori della Calabria.

Ed infine, vogliamo ringraziare tutte quelle 20000 e più persone ormai, che ogni giorno sulla nostra pagina Facebook associativa ci sostengono nelle nostre iniziative e ci danno la forza per portare avanti questa bellissima avventura.

13 lunghi anni, e non è finita qui…

TANTI AUGURI FERROVIE IN CALABRIA!

Luca Pisconti

Associazione Ferrovie in Calabria

Nel pomeriggio del 30 settembre scorso, presso gli uffici direzionali di Ferrovie della Calabria srl a Catanzaro, è stato compiuto un nuovo, importantissimo passo nella storia della nostra Associazione: alla presenza dell'Amministratore Unico di Ferrovie della Calabria srl, il Dott. Antonio Parente, e del Presidente dell'Associazione Ferrovie in Calabria, Roberto Galati, è stato firmato il rinnovo della Convenzione Quadro esistente tra l'azienda ferroviaria Ferrovie della Calabria srl, e l'Associazione Ferrovie in Calabria. Si tratta di una convenzione stipulata ormai due anni orsono, che alla stregua di quanto esistente nel resto d'Italia tra la Fondazione FS Italiane e le associazioni del territorio, regolamentava l'organizzazione di eventi speciali con Il Treno della Sila, da parte dell'Associazione Ferrovie in Calabria in collaborazione con l'impresa ferroviaria, ma anche l'avvio di attività di monitoraggio dei servizi ferroviari e su gomma di pertinenza di FdC, attraverso il coinvolgimento dell'utenza tramite la somministrazione di questionari e/o interviste per rilevare le varie criticità esistenti e, ovviamente, cercare delle soluzioni congiuntamente con l'impresa ferroviaria.
La rinnovata convenzione, però, rispetto alla precedente versione, ha una marcia in più a dir poco storica e di interesse nazionale e che sarà caso di studio all'interno della Federazione Italiana per le Ferrovie Turistiche e Museali (FIFTM) che riunisce tutte le associazioni, compresa l'Associazione Ferrovie in Calabria, che si occupano di treni turistici sul territorio italiano: ci troviamo infatti di fronte alla prima Convenzione Quadro in Italia, stipulata tra un'azienda ferroviaria ed un'associazione, costruita sulla base dei dettami della ben nota Legge 71/2019 (di modifica alla 128/2017) dedicata all'individuazione ed alla gestione delle Ferrovie Turistiche. E' necessario ricordare che all'interno di questa importante legge nazionale, sono state individuate 18 linee ferroviarie di grande interesse turistico e paesaggistico, tra cui la (Cosenza) – Pedace – San Giovanni in Fiore, sulla quale allo stato attuale è attivo il servizio turistico de Il Treno della Sila sul tratto Moccone – Camigliatello – San Nicola Silvana Mansio. Nello specifico, la legge prevede la collaborazione attiva tra le aziende ferroviarie proprietarie di infrastruttura e materiale rotabile, e associazioni di appassionati del settore, attive nel campo della salvaguardia e promozione del trasporto su rotaia, sia esso turistico che ordinario. Ma la collaborazione non prevede la sola organizzazione di treni turistici congiuntamente tra le associazioni e le aziende ferroviarie di riferimento, ma anche il coinvolgimento di volontari appartenenti alle suddette associazioni, per quanto riguarda mansioni legate all'assistenza ed alla diffusione di informazioni all'utenza, il presenziamento di passaggi a livello incustoditi, ed in prospettiva anche attività di volontariato atte al restauro ed alla manutenzione del materiale rotabile storico di proprietà delle aziende ferroviarie, utilizzato per i treni turistici. Fondamentalmente, si tratta di un primo avvicinamento a quanto già è consolidato per esempio in Francia, con intere linee ferroviarie turistiche gestite interamente da associazioni, persino con proprio personale ferroviario dotato delle specifiche abilitazioni e certificati di sicurezza.
La Calabria è la prima Regione che, attraverso questa Convenzione Quadro, applica alla lettera la Legge sulle Ferrovie Turistiche: infatti, previo apposito corso di formazione da parte di personale preposto alla Sicurezza, appartenente a Ferrovie della Calabria srl, i membri dell'Associazione Ferrovie in Calabria si occuperanno nell'immediato futuro sia del presenziamento dei Passaggi a Livello incustoditi presenti sulla tratta ferroviaria turistica tra Moccone e San Nicola Silvana Mansio, e sia dell'assistenza ai viaggiatori e della diffusione di informazioni a bordo delle vetture d'epoca.


Lo scopo di tutto ciò, ovviamente, è garantire la sostenibilità economica di una Ferrovia Turistica, cercando di demandare alle associazioni di volontariato che abbiano specifica competenza nel settore ferroviario, turistico ed ambientale, e quindi a costo zero per l'azienda ferroviaria, mansioni ovviamente minori nelle quali risulta possibile sostituire il personale prettamente ferroviario che, nello specifico caso di Ferrovie della Calabria srl, verrebbe utilizzato in una attività che sta a cuore agli appassionati di tutta Italia e non solo: il restauro e la rimessa in esercizio, peraltro già in corso, della vaporiera FCL 403, attualmente in deposito a Cosenza, che porterebbe finalmente alla disponibilità di due diverse locomotive a vapore sulla Ferrovia Silana. Un obiettivo ovviamente obbligato, se si pensa che, in ogni caso, arriverà il momento in cui la FCL 353 dovrà essere temporaneamente fermata per eseguire le necessarie revisioni periodiche. In tal caso, quindi, avendo in servizio anche la FCL 403, non ci sarebbe alcuna rottura della continuità del servizio ferroviario turistico a vapore.
Ovviamente, anche la rinnovata convenzione prevede una proficua collaborazione tra l'azienda Ferrovie della Calabria srl e l'Associazione Ferrovie in Calabria, nella promozione generale dell'utilizzo dei servizi di trasporto pubblico locale, con particolare riferimento a quello ferroviario nei territori attraversati dalle linee di FdC, valorizzando inoltre la storia e gli aspetti tecnici delle ex Ferrovie Calabro Lucane. Una collaborazione che si concretizza, nei fatti, attraverso l'organizzazione di iniziative di rilievo dati a bordo dei treni e degli autobus, intervistando gli utenti con il fine di conoscere le criticità dei servizi e cercare di porne rimedio, e soprattutto, non esistendo una bigliettazione origine/destinazione sulla rete dei servizi di FdC, ma solo una bigliettazione strutturata su diverse tariffe in base ai chilometri percorsi dall'utente, risulterà significativo l'avvio da parte dell'Associazione Ferrovie in Calabria, di un'analisi necessaria alla costruzione di matrici O/D (origine destinazione) attraverso le quali comprendere in modo scientifico la consistenza dei flussi di traffico nelle specifiche tratte e stazioni / fermate.
Tutte queste attività saranno svolte dall'Associazione Ferrovie in Calabria, previo accordo con l'impresa ferroviaria, a costo totalmente zero per Ferrovie della Calabria srl: ma non è tutto. In quanto Associazione senza scopo di lucro, tutti i proventi relativi all'organizzazione dei treni speciali in Sila, ovviamente nei casi in cui si tratti di eventi dell'Associazione Ferrovie in Calabria (che non prevedono solo viaggi destinati ad una clientela prettamente turistica, ma anche treni speciali destinati alle scuole, attraverso il nostro Progetto Scuola-Ferrovia), vengono reinvestiti in nuove attività di promozione e valorizzazione del trasporto su rotaia in Calabria, siano essi convegni, eventi, ma soprattutto azioni concrete, come nel caso del prototipo di ferrociclo interamente acquistato dall'Associazione Ferrovie in Calabria.

Il prossimo, ambizioso passo, sarà dedicato all'installazione di un moderno sistema di audio-diffusione a bordo delle carrozze del Treno della Sila, ad altissima efficienza ma allo stesso tempo di impatto estetico praticamente nullo all'interno delle vetture d'epoca. L'intero sistema sarà finanziato dall'Associazione Ferrovie in Calabria, e sarà ovviamente utilizzabile anche dalle stesse Ferrovie della Calabria srl, nei casi in cui i treni turistici vengono organizzati direttamente dall'azienda ferroviaria. In realtà il nostro obiettivo, che ad oggi risulta chiaramente insostenibile a livello economico per l'Associazione, non è quello di limitarci all'impianto audio a bordo del treno, ma ad un ben più vasto sistema di informazione al pubblico, che prevede l'attivazione di un sistema di infomobility dedicato al Treno della Sila ed a tutte le attività ad esso connesse all'interno del territorio del Parco della Sila. Ma è costruendo un po' alla volta, che si creano grandi e durature opere: la cooperazione tra l'Associazione Ferrovie in Calabria e le Ferrovie della Calabria srl, considerata ormai da tre anni una buona pratica da esportare anche nel resto d'Italia, alla luce della specifica Legge sulle Ferrovie Turistiche, porterà sicuramente a risultati ancora migliori rispetto a quelli comunque di tutto rispetto, ottenuti fino ad oggi. Sicuramente ciò che risulta necessario ed urgente, ma chiaramente in tal caso l'intervento della Regione Calabria deve essere chiaro e deciso, è il rilancio della vocazione ferroviaria dell'azienda, attraverso un consistente rinnovo e velocizzazione dell'intera linea Catanzaro – Cosenza, con relativo adeguamento tecnologico di terra e di bordo, ed una attenta operazione di integrazione gomma/ferro che riporti alla linea ferroviaria la centralità che merita.


In conclusione, l'Associazione Ferrovie in Calabria ritiene d'obbligo un grande ringraziamento per l'impegno profuso alla stesura del nuovo documento di Convenzione ed in generale per la costante collaborazione tra l'azienda e l'Associazione, all'Amministratore Unico di Ferrovie della Calabria srl, il dott. Antonio Parente, agli Ingegneri Santo Marazzita ed Alessandro Marcelli, rispettivamente Direttore Area Trasporto e Responsabile per le Infrastrutture con delega ai servizi ferroviari turistici, ed al Coordinatore Generale dott. Alfredo Sorace: di seguito, cliccando sul link in basso, è possibile scaricare il progetto dell'impianto di audio-diffusione interamente finanziato dall'Associazione Ferrovie in Calabria con componentistica della TEMA – Telecomunicazioni, e che verrà installato a bordo delle vetture storiche del Treno della Sila. Buona lettura!

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI COMUNICAZIONE DIGITALE E MULTIMEDIALE DI BORDO PER LE CARROZZE STORICHE DEL TRENO DELLA SILA

In occasione de "Il Treno della Befana", iniziativa di grandissimo successo (andata sold out nel giro di pochi giorni) tenutosi lo scorso 6 gennaio sulla Ferrovia Silana, l'Associazione Ferrovie in Calabria e l'UNPLI provinciale di Cosenza hanno siglato uno storico protocollo d'intesa volto alla valorizzazione del territorio silano e della provincia di Cosenza, e delle relative bellezze naturalistiche, storico-culturali ed enogastronomiche, attraverso quella peculiarità che sempre di più sta diventando un simbolo per la Calabria intera: il Treno della Sila di Ferrovie della Calabria, e le relative iniziative speciali organizzate dall'Associazione Ferrovie in Calabria, convenzionata con l'azienda di trasporto pubblico locale calabrese. 

La firma del Protocollo, le cui finalità nel dettaglio saranno riportate tra qualche rigo più in basso, si è tenuta a bordo della vettura a terrazzini CDU 3513, a treno in corsa trainato tra la neve dalla sbuffante FCL 353, alla presenza del Presidente UNPLI provinciale Antonello Grosso La Valle, e del Presidente della Nuova Pro Loco di Camigliatello e consigliere UNPLI, Eugenio Celestino. Ovviamente ringraziamo il Presidente Grosso La Valle per aver coinvolto l'Associazione Ferrovie in Calabria nel vastissimo mondo delle Pro Loco e delle relative iniziative che si potranno integrare con l'attività del turismo ferroviario silano, lento e sostenibile. Come ha ricordato infatti il Presidente, a livello nazionale le Pro-Loco contano ben 1 milione di iscritti, distribuiti in quasi tutti i comuni italiani. Ma un ringraziamento particolare va a colui che ha proposto e promosso in sede di consiglio UNPLI, la stipula di questo protocollo, e ci riferiamo all'amico Eugenio Celestino, Presidente della Nuova Pro Loco Camigliatello con la quale, fianco a fianco, negli scorsi anni ci siamo battuti per il ripristino del Treno della Sila, anche attraverso azioni di sensibilizzazione e di volontariato (ricordiamo la pulizia della stazione di Camigliatello un anno prima della riattivazione del servizio ferroviario): per noi di Associazione Ferrovie in Calabria, questo nuovo tassello nella valorizzazione del turismo ferroviario calabrese, va ad affiancarsi alla collaborazione già esistente tra l'Associazione ed il GAL Sila, il FAI - Giganti della Sila, il Parco Nazionale della Sila ed ovviamente la Regione Calabria, confermando nuovamente la bontà e gli ottimi risultati dell'attività di volontariato nell'ambito dei treni turistici e di promozione del trasporto ferroviario calabrese in tutte le sue forme, in ottemperanza alla Legge sulle Ferrovie Turistiche "Iacono" n.128 del 09/08/2017. Attività che, relativamente all'organizzazione di treni turistici, svolgiamo dal 2014, anno di riattivazione della locomotiva FCL 353 - ad oggi la vaporiera più accesa d'Italia - sulla tratta ferroviaria Cosenza - Rogliano, e dal 2016 sulla Ferrovia Silana che, entro la prossima estate, prolungherà il proprio capolinea dalla stazione di San Nicola Silvana Mansio a quella della Capitale della Sila, San Giovanni in Fiore. 


Nel dettaglio, ecco il contenuto del Protocollo d'Intesa:

PREMESSO

- che l’Associazione Ferrovie in Calabria e UNPLI della Provincia di Cosenza hanno tra le preminenti finalità istituzionali:

- la realizzazione di opportune forme di collaborazione tra Enti e Organi che concorrono alla programmazione e attuazione di interventi di promozione del territorio in ogni suo aspetto ;
- lo studio e la realizzazione di progetti e servizi attinenti a detta promozione ;
- iniziative e azioni in comune ;

- che hanno tra i propri fini istituzionali:

A) potenziare il turismo e la cultura in armonia con gli ordinamenti del proprio territorio e della Regione Calabria;

B) la promozione dell’ artigianato, dei beni culturali , enogastronomici, e artistici legati al turismo;

C) la promozione e realizzazione di azioni / iniziative

- che la comune collaborazione, definita negli articoli seguenti, ha notevole interesse pubblico, avendo il fine ultimo di valorizzare e rendere più fruibile il patrimonio turistico e culturale della Provincia di Cosenza e di tutta la Calabria legato principalmente ad aspetti ambientali, artistici, storici, folcloristici, artigianali, enogastronomici etc.;

- che l’azione di cui sopra va principalmente finalizzata ad attrarre l’attenzione, la partecipazione e la conoscenza stimolando maggiore presenza di turisti / visitatori sui valori culturali e promozionali e sulla necessità di conservare tali valori e ampliarli,

tutto ciò anteposto

tra UNPLI della Provincia di Cosenza da un lato e Associazione Ferrovie in Calabria dall’altro,

SI CONVIENE E STIPULA QUANTO SEGUE

ART. 1: Richiamo delle Premesse


Le premesse costituiscono parte integrante del Protocollo d’Intesa;

ART. 2: Oggetto del Protocollo

In relazione alle finalità di cui alle premesse, si ritiene procedere, sin da adesso, alla realizzazione di attività tese alla valorizzazione delle seguenti iniziative afferenti alle attività dei progetti di promozione del territorio: 

- Manifestazioni / Progetti / Programmi legati all’ambiente, cultura, artigianato, ecc…;
- La promozione dei prodotti tipici enogastronomici e di artisti locali ;
- Promozione di percorsi comuni per la valorizzazione / promozione del territorio ;
- Azioni di Sviluppo locale

 

L'Associazione Ferrovie in Calabria augura a tutti gli amici che ci seguono ed alle relative famiglie, una Pasqua di gioia e serenità!!

Possa giungere un grande augurio di Buon 2019 a tutti gli amici, sempre più numerosi, che seguono e sostengono l'Associazione Ferrovie in Calabria: la nostra speranza è che anche il nuovo anno possa portare cambiamenti in positivo per il trasporto ferroviario calabrese, in tutte le sue sfaccettature, da quello pendolare a quello turistico, passando per la lunga percorrenza ad Alta Velocità e tradizionale. Noi saremo qui, come sempre, dall'ormai lontano 14 ottobre 2006 

Pagina 1 di 8

railbook

#ferrovieDelleMeraviglie
FC FCL 353 Rogliano 2014 08 03 RobertoGalati 3

SCOPRI GLI EVENTI SPECIALI ORGANIZZATI

CON IL TRENO DELLA SILA

NEL RICORDO DEL NOSTRO CARO AMICO MARCO GAGLIARDI...

P1100429

DAI UN CONTRIBUTO ALLA NOSTRA ASSOCIAZIONE
Sostienici

copertina