Le attività dell'Associazione Ferrovie in Calabria legate ai servizi ferroviari turistici nella nostra Regione, facenti capo alle iniziative speciali organizzate con il Treno della Sila di Ferrovie della Calabria, azienda con la quale la nostra associazione è convenzionata, ci hanno portato due anni fa ad aderire ad un importantissimo organo nazionale: la Federazione Italiana delle Ferrovie Turistiche e Museali (FIFTM). Proprio grazie alla Federazione, molti importanti obiettivi di crescita del turismo ferroviario e soprattutto della regolamentazione delle attività ferroviarie con treni storici e su linee turistiche, sono stati raggiunti, e tanti altri lo saranno nel prossimo futuro (una tra tutte, speriamo al più presto, la regolamentazione della circolazione dei Ferrocicli, meglio noti come Velorail). Nell'appena trascorso week-end, sabato 10 e domenica 11 novembre, anche noi di Associazione Ferrovie in Calabria abbiamo partecipato all'assemblea nazionale di FIFTM, tenutasi presso la Sala Diamante di RFI della stazione di Milano Porta Garibaldi, gentilmente messa a disposizione dal Collegio degli Ingegneri Ferroviari Italiani: in questa occasione, oltre al rinnovamento del consiglio direttivo (con la conferma del precedente coordinato dal Presidente Alberto Sgarbi, salvo le dimissioni per motivazioni familiari del Tesoriere Silvio Cinquini), assieme alle sempre più numerose associazioni aderenti a FIFTM, c'è stato modo di discutere e di confrontare le rispettive attività ferroviarie turistiche nelle varie regioni d'Italia. Nello specifico, all'assemblea sono state presenti le seguenti associazioni: Ferrovie Turistiche Italiane, Museo Nazionale dei Trasporti La Spezia, Museo Nazionale dei Trasporti La Spezia, Associazione Treni Storici Emilia Romagna “Adriavapore”, Associazione Verbano Express, Associazione Ionico Salentina Amici Ferrovie, G.R.A.F. – Gruppo Romano Amici Ferrovia, FERSTORIA – Associazione Storia Ferroviaria FVG, Associazione Sarda Treni Storici “Sardegnavapore”, Amici della Ferrovia LE ROTAIE Molise, Vecchi Binari FVG, Associazione Turno C Foligno, mentre noi di Associazione Ferrovie in Calabria abbiamo anche rappresentato, su delega, gli amici di Sicilia in Treno. Presente anche l'On. Anna Donati, portavoce dell'Alleanza Mobilità Dolce (AMODO) Durante l'assemblea, accompagnati dal costante passaggio dei treni nell'importante stazione milanese, ogni associazione ha esposto la propria attività sul territorio, illustrando gli obiettivi raggiunti negli anni, ma anche le tante difficoltà che, purtroppo, in questo ambito non mancano, dalla Puglia al Friuli Venezia Giulia, passando per la Sardegna, l'Abruzzo, l'Emilia Romagna, la Toscana...
Nel nostro caso, con gli interventi di Roberto Galati e Vincenzo Calabrò, rispettivamente Presidente e Vice Presidente dell'Associazione Ferrovie in Calabria, abbiamo raccontato ai nostri colleghi dell'associazionismo ferroviario, la nostra esperienza legata al Treno della Sila: la mitica vaporiera FCL 353 di Ferrovie della Calabria, assieme alle storiche vetture e soprattutto alla bellezza della linea ferroviaria a scartamento ridotto e del territorio silano attraversato, sono diventati a tutti gli effetti un caso di studio a livello nazionale. Ciò che infatti la nostra associazione è riuscita a realizzare, grazie anche alla cooperazione con gli enti e gli operatori turistici del territorio, è proprio ciò che si prefigge la recente Legge sulle Ferrovie Turistiche, ovvero valorizzare turisticamente il territorio attraverso i treni storici su linee dedicate, e non solo.

Attirare viaggiatori del resto d'Italia e del mondo, facendo loro assaporare le bontà enogastronomiche silane, le bellezze ambientali, naturalistiche e culturali, facendole ruotare attorno all'esperienza "Treno turistico", è proprio quello che siamo riusciti a costruire in Calabria, con un trend positivo relativo non solo al costante aumento di viaggiatori attratti dal Treno della Sila che sbuffa tra Moccone e San Nicola Silvana Mansio, ma anche al graduale ripristino dell'intera Ferrovia Silana, annunciando in sede di assemblea ciò che Ferrovie della Calabria ha da qualche mese avviato, ovvero la riattivazione della tratta ferroviaria anche da San Nicola Silvana Mansio a San Giovanni in Fiore. Ovviamente abbiamo illustrato anche tutte le altre attività della nostra associazione, legate al rilancio in generale del trasporto ferroviario in Calabria, e degli obiettivi raggiunti in questi anni, uno tra tutti l'avvio dei lavori di elettrificazione della Ferrovia Jonica, l'avvio del processo di integrazioni tariffarie gomma/ferro, l'ottimizzazione dei collegamenti ferroviari ragionali in un'ottica di interscambi nei principali nodi calabresi. Ma anche le battaglie in corso, come quella sul ripristino delle Ferrovie Taurensi, dell'intera Ferrovia Catanzaro - Cosenza, del finanziamento per completare l'elettrificazione sulla Ferrovia Jonica tra Catanzaro Lido e Melito di Porto Salvo, e molto altro. Una parentesi a sè, invece, l'abbiamo dedicata ad una ulteriore rivoluzione per le Ferrovie Turistiche, nata proprio "in casa" Associazione Ferrovie in Calabria, grazie al nostro associato Fabio Rafele, piccolo genio dell'informatica: parliamo di RailBook, il primo portale di booking dedicato alle Ferrovie Turistiche. 

Molto brevemente (per maggiori dettagli rimandiamo all'articolo dedicato): cos'è Railbook? Nella maggior parte dei casi, l'utente intenzionato a partecipare ad un treno storico o comunque ad un viaggio in treno turistico (quasi sempre associato a pacchetti turistici come visite guidate, ristorazione, pernottamenti etc.), si rivolge direttamente alle imprese ferroviarie, che a loro volta vengono supportate da associazioni di appassionati del trasporto ferroviario, nell'organizzazione di queste particolari e sempre più diffuse iniziative. Insomma, per rimanere in Calabria, è il caso dell'organizzazione dei treni turistici a vapore in Sila (non tutti, ma buona parte), organizzati dall'Associazione Ferrovie in Calabria, la quale è convenzionata con l'azienda di trasporto Ferrovie della Calabria, proprietaria del convoglio storico e dell'infrastruttura. Ma lo stesso si può dire, per esempio, dei nostri amici dell'associazione "Le Rotaie", convenzionati con la Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane, per l'organizzazione di treni storici e turistici sulla mitica "Transiberiana d'Italia" Sulmona – Carpinone. Tante realtà al momento ancora poco integrate, e tante iniziative che, seppur di grande successo, camminano ancora separatamente. Non esiste una vera e propria rete dei treni turistici e quindi del turismo ferroviario, che di mese in mese prende sempre più slancio, in un territorio come quello italiano, attraversato capillarmente da linee ferroviarie di immenso valore paesaggistico, storico, sociale e culturale.
Il Railbook ha come obiettivo proprio questo: riunire in un unico grande portale, che ha anche le caratteristiche del social network, tutti i treni turistici d'Italia. Accedendo al portale, già attivo all'indirizzo www.railbook.it, ci si ritroverà di fronte ad una grande mappa dell'Italia, sulla quale si troveranno indicati i luoghi in cui verranno effettuati treni turistici, unita ovviamente ad un calendario generale relativo a queste iniziative. L'utente, che può essere indifferentemente un privato cittadino, un tour operator, un'impresa ferroviaria o un'associazione, può scegliere l'evento al quale partecipare, prenotare i propri posti a sedere a bordo del treno turistico, ma non solo: può anche prenotare gli eventi connessi allo specifico viaggio in treno, come appunto escursioni, visite guidate, soggiorni, ristorazioni). La conferma della prenotazione avviene ovviamente tramite pagamento, che può essere sia online tramite gli ormai diffusissimi metodi PayPal o carta di credito, o anche – a discrezione di ogni singola associazione/azienda ferroviaria/tour operator organizzatrice dell'evento – tramite bollettini postali, bonifici, o semplicemente pagamento in contanti lo stesso giorno dell'evento.
Un "wagon editor", permette ad ogni organizzatore di treni turistici, di "costruire" il proprio format delle vetture, con il layout interno dei posti a sedere e relativa loro numerazione, necessario a rendere quindi possibile la prenotazione dei posti da parte degli utenti. Nè più e né meno di quando un utente prenota un posto a sedere in Frecciarossa, scegliendolo lato finestrino piuttosto che lato corridoio, solo che in questo specifico caso...prenoterà il proprio posto (o più posti) a bordo di una antica vettura Centoporte delle Ferrovie dello Stato per un viaggio sulla Transiberiana d'Italia Sulmona - Carpinone, piuttosto che su una storica carrozza a terrazzini delle Ferrovie della Calabria, per un viaggio da Camigliatello Silano a San Nicola Silvana Mansio.
Ma non è tutto: l'editor ovviamente non è specifico solo per il materiale ferroviario, ma permette anche di costruire i layout interni di autobus, battelli, o comunque qualsiasi mezzo di trasporto che abbia dei posti a sedere numerati (Velorail compreso), rendendo così molto più semplice anche l'integrazione di più vettori, spesso necessaria durante l'organizzazione dei treni turistici. Non è raro infatti che alcuni luoghi da visitare in occasione di questi eventi, non siano direttamente raggiungibili in treno, ma è necessario interscambiare con autobus più o meno grandi: ecco quindi che, il viaggiatore, oltre al proprio posto a bordo del treno, al proprio itinerario turistico ed al proprio pranzo...può addirittura scegliere anticipatamente dove sedersi a bordo dell'autobus!
Una volta disegnato il layout interno delle varie carrozze ferroviarie, l'operatore che gestirà il proprio profilo Railbook di organizzatore di treni turistici, dovrà semplicemente comporre il treno con le vetture previste in composizione per lo specifico evento, e lanciarne la vendita al pubblico che, autonomamente, prenoterà quindi i propri posti a sedere.
Ovviamente, agli organizzatori dei treni turistici, Railbook rilascia anche gli elenchi completi di coloro che hanno prenotato il proprio viaggio, dando un quadro completo di "cosa" è stato prenotato da ogni singola persona o gruppo di persone, se solo il viaggio in treno, o anche i pacchetti turistici annessi. L'operatore organizzatore dell'evento, quindi, saprà dettagliatamente che, il signor Mario Rossi, ha prenotato il posto 36 sulla carrozza 2, il pranzo presso il ristorante "La Locanda di Giovanni", un pernottamento presso l'hotel "Buona Notte". E, ad ogni specifico partner, ovvero ristorante, hotel, guida turistica etc, l'organizzatore del treno, potrà inviare una lista completa solo dei partecipanti al treno turistico, che hanno scelto quella specifica attività complementare. Ovviamente, sempre generata dal cervellone del Railbook!

Ma come anticipato, l'obiettivo di Railbook non è solo quello di rendere più semplice l'organizzazione dei treni turistici da parte degli operatori. Lo scopo è quello di creare una grande rete, grazie alla quale, l'utente che per esempio viene a conoscenza dell'organizzazione del "Treno dei Trabucchi" da Foggia a Peschici sulle Ferrovie del Gargano, gestito dall'Associazione Rotaie di Puglia, andando a prenotare il proprio posto in treno ed il relativo pacchetto turistico su www.railbook.it, scoprirà attraverso il calendario caricato sul portale, che esiste anche – ad esempio – il Treno della Sila e le sue relative iniziative, la Transiberiana d'Italia, il Treno Verde della Sardegna e tanto, tanto altro. E deciderà magari di provare anche altre esperienze ferroviarie attraverso le bellezze d'Italia, lasciando anche il proprrio feedback. 

Agli amici delle associazioni presenti all'assemblea, abbiamo consegnato un piccolo manuale di presentazione di Railbook, e l'interesse è stato subito grande: nei prossimi mesi lavoreremo, a prescindere dall'adesione al sistema di booking, all'implementazione di Railbook con tutte le linee ferroviarie turistiche italiane, con l'obiettivo di costruire un portale che riunisca a sè tutte le caratteristiche, la storia ed i recapiti delle varie associazioni / imprese ferroviarie che si occupano di turismo su rotaia in Italia. 


Questo il reportage della prima giornata di assemblea, sabato 10 novembre: domenica 11, è stato invece il giorno di una indimenticabile visita, da parte di tutte le associazioni, presso il Deposito Locomotive di Milano Smistamento, tempio del materiale rotabile storico di Fondazione FS utilizzato per i treni turistici in gran parte del Nord Italia, oltre che ovviamente impianto di manutenzione dei locomotori di Mercitalia Rail, società del Gruppo Ferrovie dello Stato, erede di Trenitalia Cargo. A Milano Smistamento, grazie ad un bellissimo pensiero di Fondazione FS Italiane ed in particolare dell'Ing. Luigi Cantamessa, Direttore della Fondazione, ci siamo arrivati a bordo dell'ALn668 1908, egregiamente riportata in livrea originale anni '80. Partiti alle 9.40, sotto le volte di Milano Centrale e "circondati" dai Frecciarossa, abbiamo raggiunto dopo pochi minuti di viaggio, sotto gli occhi incuriositi dei viaggiatori presenti a Milano Centrale e Milano Lambrate, la nostra nostra destinazione. All'arrivo siamo stati calorosamente accolti dagli intraprendenti amici dell'Associazione Rotabili Storici Milano Smistamento, attivissima nel recupero e nel restauro di locomotori diesel ed elettrici, vetture e carri merci in uso alla Fondazione FS Italiane. Per un appassionato di treni, difficile non rimanere a bocca aperta di fronte ad uno spettacolo di storiche livree e storici rotabili concentrati in un solo luogo. Dalle recenti locomotive elettriche E633 in livrea originale, passando per le E645, per la E626 225 appena riportata completamente a nuovo a livello elettrico, meccanico ed estetico, e finendo alla E636 284 meglio nota come "Camilla", o a all'unico esemplare di vaporiera gruppo 835 in corso di revisione con l'obiettivo di riportare alla luce (funzionante) almeno una unità di uno dei gruppi di locomotive a vapore più numerosi d'Italia. Esperienza a dir poco "mistica", inoltre, la visita alle storiche vetture del Treno Presidenziale, costruite a cavallo tra la fine degli anni '30 e l'inizio degli anni '40 (in parte derivate da vetture tipo 1937), dotate ancora degli interni originali, ed in parte utilizzate per l'ultima volta dall'ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi nel 2004. E poi rare vetture Centoporte a 3 assi, carri chiusi, il "sogliolone", locomotore da manovra 211 050 ed il piccolo 209 005, le elettromotrici "Varesine" EACz 623, le appena recuperate littorine ALn556 ex Ferrovia Suzzara-Ferrara, ed a loro volta ex-FS. A Milano Smistamento, c'è un patrimonio. Storico, ma non solo: abbiamo avuto anche il privilegio di visionare per la prima volta le nuovissime e moderne locomotive diesel di costruzione CZ Loko acquistate da Mercitalia Shunting&Terminal per la manovra pesante negli scali.

La visita a Milano Smistamento, in grande allegria, si è conclusa con un buffet offerto da ARMS al cospetto della E645 090, con un buon pranzo, ed il rientro a Milano Centrale ancora una volta a bordo dell'ALn668 1908. Un ringraziamento particolare va proprio agli amici dell'Associazione Rotabili Storici Milano Smistamento, adoperatisi immediatamente per la pulizia della storica automotrice dai graffiti che, purtroppo, i soliti retrogradi che qualcuno spaccia anche per artisti, hanno imbrattato una delle fiancate dell'ALn nella notte tra sabato e domenica. Un altro grande esempio di battaglia tra la conservazione della storia e della nostra cultura ferroviaria, e tra la distruzione e l'imbruttimento che, purtroppo, veleggia nella società moderna. 

In conclusione, per noi di Associazione Ferrovie in Calabria si è trattato di un'esperienza che definirla indimenticabile è forse poco: un grande ringraziamento va in primis alla Federazione Italiana delle Ferrovie Turistiche e Museali, al Presidente Alberto Sgarbi, agli amici di ARMS, a tutte le associazioni presenti, alla Fondazione FS Italiane. Siamo stati onorati di aver avuto la possibilità di portare a Milano la nostra esperienza di successo nel campo delle Ferrovie Turistiche, al cospetto anche di realtà consolidate nel tempo e di grandissimo successo, assolutamente da imitare: alle 20.15 di domenica scorsa, a bordo di una vettura Treno Notte Comfort in composizione all'InterCity 1963 per Palermo/Siracusa, abbiamo lasciato Milano Centrale in direzione Lamezia Terme Centrale, con un bagaglio di cultura in più, con tanti nuovi amici e colleghi di "treni storici", e con tanta esperienza in più che reinvestiremo nelle attività ferroviarie turistiche (ma non solo) della nostra Calabria. 

Tra le date che ricorderemo, relativamente alle iniziative di promozione del trasporto su rotaia nella nostra Calabria, sicuramente quella del 28 ottobre 2018 farà parte di quell'elenco che (per fortuna) si allunga sempre di più! Nella giornata odierna infatti, si è svolta una nuova corsa speciale del Treno della Sila di Ferrovie della Calabria, organizzata dall'Associazione Ferrovie in Calabria con il patrocinio del GAL Sila, del Comune di Spezzano della Sila, dell'Ente Parco, della Riserva FAI dei Giganti della Sila e della Regione Calabria, in contemporanea con la mostra di fermodellismo (già visitabile da venerdì) organizzata a Camigliatello a pochi passi dalla stazione ferroviaria, dagli amici di Fremo Calabria, coordinati dall'attivissimo Presidente Mario De Prisco. Musica a Vapore - Triologia tra Boschi e Binari, è stato il tema della corsa odierna della mitica vaporiera FCL.353: corsa anche in questa occasione andata totalmente sold-out già da oltre una settimana, durante la quale i viaggiatori provenienti da un po' tutto il Sud Italia (compresa una delegazione degli amici dell'Associazione Treni Storici Puglia), hanno potuto vivere un viaggio nel tempo a bordo delle storiche vetture a terrazzini Carminati&Toselli, assaporando delle buonissime "Pitte con la Sardella", accompagnati dalla buona musica dei Safari Njema. Un ringraziamento ed un plauso va ovviamente al GAL Sila, che ha contribuito alla perfetta riuscita dell'iniziativa e soprattutto alla promozione delle tipicità gastronomiche e culturali del territorio, offrendo ai viaggiatori le ottime Pitte con la Sardella e l'accompagnamento musicale a bordo del convoglio. 


Al rientro del convoglio a Camigliatello, dopo la corsa su San Nicola Silvana Mansio, i viaggiatori hanno avuto quindi anche l'opportunità di rimanere in tema ferroviario a pochi passi dalla stazione...cambiando scala di riferimento, e visitando la mostra di fermodellismo: ben 51 metri di plastico modulare a norme FREMO, a tema ferroviario FS del cosentino, con la riproduzione di scorci del vecchio tracciato della linea Sibari - Cosenza e della storica Paola - Cosenza a cremagliera, oltre ad un'esposizione di cimeli ferroviari. Non nascondiamo di esserci emozionati alla vista di moduli costruiti alcuni anni fa, e perfettamente attivi, dal compianto Nino Caldarella, Ingegnere delle Ferrovie dello Stato che ha dedicato tutta la sua vita alla passione per il trasporto su rotaia, per lavoro e non, dalla quello reale a quello in scala. Ma sicuramente oggi Nino era al nostro fianco, e gioiva assieme a noi del finalmente rinnovato slancio nello sviluppo del trasporto su rotaia calabrese, diventato realtà grazie anche alla collaborazione di tante realtà associative, come proprio nel caso dell'Associazione Ferrovie in Calabria, Fremo Calabria, Gruppo Fermodellistico Tropeano.

Ed allontanandoci un po' dalla Sila, e facendo riferimento agli amici del Gruppo Fermodellistico Tropeano, vogliamo ricordare un altro importante evento a tema ferroviario tenutosi in Calabria nella giornata di ieri, a Seminara, con una mostra fotografica dedicata alle Ferrovie Gioia Tauro - Cinquefrondi e Gioia Tauro - Sinopoli attualmente sospese all'esercizio. Seguirà il 24 novembre un evento in via di organizzazione dal GFT e dal Comitato Pro Taurensi ed al quale prenderemo parte anche noi di Associazione Ferrovie in Calabria, mirato a ricordare alle forze politiche territoriali e regionali, l'assoluta urgenza legata alla riattivazione di queste importanti linee ferroviarie, che potrebbero diventare un eccellente sistema metropolitano a servizio della popolosa Piana di Gioia Tauro, oltre che essere valorizzate turisticamente. Ma quella sulle Ferrovie Taurensi, nonostante non manchino le spinte contrarie, è anche una scommessa dal valore simbolico inimmaginabile: la loro riapertura rappresenterebbe il completamento della riapertura di tutte le linee a scartamento ridotto calabresi ancora dotate di binari, visto il graduale ripristino in corso della Catanzaro - Cosenza e della Ferrovia Silana. Non mancheremo di aggiornare i nostri lettori sui dettagli di questa iniziativa: continuate a seguirci!

Dopo il grande successo mediatico e soprattutto di partecipazione dei treni speciali a vapore organizzati sulla Ferrovia Silana in questa stagione estiva, è ora di iniziare a pensare agli eventi dedicati all'ormai vicino autunno: e quale migliore occasione, a settembre, per festeggiare il buon vino? E che vino...

In collaborazione con le Ferrovie della Calabria e con il patrocinio della Regione Calabria, Parco Nazionale della Sila, GAL Sila e Comune di Spezzano della Sila, il prossimo 23 settembre sarà possibile vivere un'esperienza irripetibile con l'evento speciale "Il Treno del Vino", a bordo delle carrozze storiche a terrazzini Carminati&Toselli trainate dalla mitica vaporiera FCL 353, accompagnata dalla degustazione di ottimi vini calabresi. Vini peraltro dalla storia molto interessante ed esempio di imprenditorialità nel campo enogastronomico ed agricolo calabrese: all'evento parteciperanno infatti le cantine di Senatore Vini, l'incredibile vino fermentato in antiche anfore di Acroneo e Borgovalle Vini. Il tutto, ovviamente, accompagnato da degustazioni di prodotti della gastronomia locale (grazie ad Antica Salumeria Barrese), buona musica tradizionale ed interessantissime mini-lezioni a bordo del convoglio, dedicate all'importanza del nutrirsi in modo sano, con prodotti biologici e soprattutto seguendo la dieta mediterranea. Le lezioni saranno a cura dei professori universitari Ludovico Abenavoli e Francesco Andreozzi. Nel pomeriggio sarà anche possibile, previa prenotazione, visitare la Riserva dei Giganti della Sila.

Ecco di seguito il programma della giornata:

  • ORE 10:00 - Raduno dei partecipanti presso Stazione di Moccone;
  • ORE 10:30- Partenza Treno storico
  • ORE 10:40 - Arrivo alla Stazione di Camigliatello e sosta per DEGUSTAZIONI VINI a cura dell'Azienda SENATORE Assaggi di Salumi e prodotti tipici a cura dell'Azienda BARRESE
  • ORE 11:10 - Partenza del Treno storico alla volta di San Nicola S.M. - MUSICA A BORDO
  • ORE 11:30 sosta alla Stazione di SCULCA per rifornimento Idrico - DEGUSTAZIONI VINI a cura dell'Azienda ACRONEO di Francesco Gabriele BAFARO - Produzione Vini in Anfora accompagnata dai tradizionali "CUDDRURIEDDRI"
  • ORE 12:05 - Arrivo alla Stazione di San Nicola S.M. la più Alta in Italia;
  • DEGUSTAZIONI VINI a cura dell'Azienda BORGOVALLE
  • Operazioni di inversione della Marcia del Treno Storico: i viaggiatori potranno assistere alla caratteristica giratura della locomotiva sulla piattaforma manuale;
  • ORE 12:50 - Partenza del treno per il ritorno alla volta delle stazioni  di Camigliatello (ore 13:15 c.a) e Moccone (ore 13:30 c.a)
  • PRANZO IN RISTORANTE (per chi ha effettuato richiesta - VEDI EXTRA)
  • I passeggeri proseguiranno con i servizi aggiuntivi scelti in fase di prenotazione
  • ORE 16:30 Appuntamento  all’ingresso della Riserva dei Giganti della Sila, sulla base della visita scelta. I viaggiatori non organizzati in gruppo con pullman dovranno raggiungere la Riserva dei Giganti della Sila autonomamente 

Vi aspettiamo quindi numerosi a questo evento speciale de "Il Treno della Sila": per ulteriori informazioni e per le prenotazioni delle nostre iniziative, compresa quella del prossimo 23 settembre, basta consultare il sito:
www.ferroviedellemeraviglie.it

Per prenotare invece i posti sulle numerose corse de "Il Treno della Sila" organizzate direttamente dalle Ferrovie della Calabria, basta consultare il sito www.trenodellasila.it

In meno di un anno dal lancio della prima versione, grazie agli eventi organizzati dall'Associazione Ferrovie in Calabria e dall'Associazione molisana Le Rotaie, oltre 10.000 utenti hanno prenotato la loro esperienza di mobilità dolce  sui treni storici, organizzati tanto sulla Ferrovia Silana quanto sulla Transiberiana d'Italia, utilizzando il portale Railbook, che oggi viene aggiornato alla versione 2.0 con l'attivazione del portale www.ferroviedellemeraviglie.it.

Homepage portale

Nuove funzioni, nuovi strumenti di gestione ed una grafica completamente rinnovata, studiata per essere fruibile da qualsiasi dispositivo, con lo scopo di rendere facile, veloce ed intuitiva la prenotazione del

Strumento per la rappresentazione virtuale di materiale rotabile
Strumento per la rappresentazione virtuale di materiale rotabile

proprio posto a bordo dei treni storici e l'acquisto dei percorsi turistici abbinati al singolo evento.

Ferroviedellemeraviglie.it, e dunque Railbook, nasce pertanto quale strumento innovativo  che ha lo scopo di fare rete tra gli organizzatori dei treni storici/turistici e gli operatori presenti sul territorio attraversato dalle linee turistiche, in modo da realizzare uno degli obiettivi della legge sulle ferrovie turistiche di recente approvazione, cioé una promozione ed una fruibilità a livello nazionale dell'intero settore.

Lo sviluppo di Railbook non é figlio solo di ore trascorse dietro ad uno schermo, ma ha tratto ispirazione principalmente da ciò che avveniva giorno dopo giorno “sul campo”, grazie al lavoro di giovani Associazioni che hanno potuto affrontare e toccare con mano tutte le problematiche e gli aspetti organizzativi che comporta la gestione di un evento con treni storici, affiancate anche dal contributo di importanti organizzazioni nazionali quali la Fondazione FS, A.Mo.Do. (Alleanza per la Mobilità Dolce) e FIFTM, che attraverso la decennale esperienza, lo studio scientifico della tematica e l'organizzazione di importanti convegni hanno tracciato il binario colmo di esperienze e di intenti sul quale viaggia il progetto Railbook.

Attraverso il nuovo portale, l'utente viene informato, in un solo colpo d'occhio, sul programma dell'Evento prescelto e sui servizi aggiuntivi proposti dai partner dell'Associazione e/o Impresa Ferroviaria che lo organizza, rendendo gli stessi prenotabili sia contestualmente all’acquisto del posto sul treno, sia in una fase successiva, attraverso l'apposita area privata di gestione aperta al cliente. Il luogo dell'evento ed il tragitto del treno vengono rappresentati in una mappa dettagliata inserita in calce al programma di viaggio, e tutti gli eventi organizzati in Italia e disponibili sul portale vengono rappresentati in una mappa generale posta in bella vista sull'Home Page, in modo da facilitare l’individuazione dell’evento a cui si vuole partecipare.

La flessibilità del nuovo portale é evidente anche grazie alle diverse modalità di pagamento del contributo di partecipazione accettate e gestibili dal sistema di prenotazione, che spaziano dal pagamento elettronico (Paypal, carte di credito ecc) al più classico versamento della quota attraverso bollettino postale o bonifico bancario: è l'organizzatore dell'evento ad impostare la o le modalità di pagamento in relazione alla sua organizzazione.

Un’altra novità importante della nuova versione, è la possibilità di aprire la prenotazione agli eventi senza l'utilizzo predeterminato della mappa treno, ovvero per consentire all'organizzatore e/o all'impresa ferroviaria la possibilità di assegnare i posti in un secondo momento. Tale modalità è stata studiata per quei casi in cui l'organizzatore ha la necessità di raccogliere le adesioni ancor prima di conoscere l'esatta composizione del treno: un altro esempio dell'esperienza sul campo maturata dagli sviluppatori in stretto contatto con gli organizzatore degli eventi.

Sono molte le funzioni e le novità del nuovo portale, tante da poter essere esaustivamente descritte in questo articolo. Vi invitiamo pertanto a visitare il nuovo portale www.ferroviedellemeraviglie.it ed a toccare con mano, prenotando la vostra prossima esperienza di turismo ferroviario, tutte le novità e l’estrema praticità di utilizzo!

É da sottolineare inoltre che il progetto Railbook, nato dall’idea di due soci dell'Associazione Ferrovie in Calabria, é stato concettualmente elaborato per essere aperto alle esigenze di chiunque organizzi iniziative legate a treni storici/turistici, per cui invitiamo chiunque sia interessato all’utilizzo di Railbook 2.0 per i propri eventi a contattarne i referenti ed a provare con mano tutte le potenzialità del portale andando a questo link: test.railbook.it

Panoramica, informazioni sul treno
Panoramica delle informazioni sul treno/evento

P1010679

Treno bagnato, treno fortunato: ma del resto, vista l'iniziativa "Treno della Sila - Itinerari dell'Acqua", forse non poteva essere diversamente! Un rinfrescante temporale non ha infatti pregiudicato il raggiungimento di un nuovo, storico successo per questa nostra iniziativa andata sold out, organizzata in collaborazione con le Ferrovie della Calabria e con il patrocinio del Parco Nazionale della Sila, del GAL Sila, dal Comune di Spezzano della Sila e della Regione Calabria. Il Treno della Sila, trainato dalla sempre più famosa vaporiera FCL 353, è tornato oggi a sbuffare tra Moccone, Camigliatello e San Nicola Silvana Mansio: i viaggiatori, (la cui componente diventa mese dopo mese sempre più turistica, proveniente dal resto d'Italia e d'Europa), oltre all'affascinante viaggio in treno a vapore con relativa degustazione di prodotti tipici e pranzo nei ristoranti convenzionati, hanno potuto ammirare le bellezze del Lago Arvo, a bordo del nuovo battello elettrico da poco inaugurato dagli amici di "Navigare a Lorica". Treno d'epoca e battello elettrico: due mezzi di trasporto simobolo della mobilità dolce, attraverso i quali conoscere, rilassandosi, le grandi ed invidiate bellezze naturalistiche, paesaggistiche, culturali ed enogastronomiche del territorio silano. 
Ma non sono mancati, in questa iniziativa, anche dei graditissimi ospiti d'eccezione grazie ai quali Il Treno della Sila, potrà essere ulteriormente conosciuto attraverso il web ed i social network: ben nove blogger aderenti all'iniziativa "BlogTourSila" accompagnati dal Presidente del Parco Nazionale della Sila Sonia Ferrari, hanno minuziosamente filmato e descritto l'esperienza relativa al viaggio in treno storico, a bordo delle storiche carrozze a terrazzini Carminati&Toselli di Ferrovie della Calabria, trainate dalla vaporiera Borsig FLC 353. 

P1010674

P1010695

P1010712


Vaporiera che, vogliamo ricordare, probabilmente in questo 2018 totalizzerà un vero e proprio record di corse, grazie anche agli oltre 20 giorni continuativi di viaggi speciali a cavallo tra i mesi di giugno e luglio, dedicati alle riprese cinematografiche del film "Freaks Out", ambientato alla fine della Seconda Guerra Mondiale (ne riparleremo meglio a tempo e luogo!). Forse sarà la locomotiva a vapore più accesa d'Italia: un obiettivo ambizioso in via di raggiungimento da parte dell'azienda Ferrovie della Calabria, ed ovviamente nell'ambito del volontariato, anche da parte dell'Associazione Ferrovie in Calabria la quale si è battuta strenuamente (e con successo) negli scorsi anni per la rinascita della bellissima Ferrovia Silana. La nostra attività associativa, analoga a quella di tante altre associazioni italiane di promozione del trasporto su rotaia (vedasi l'Associazione "Le Rotaie" in Molise), tra l'altro, è riuscita anche nell'intento di creare delle sinergie tra gli enti pubblici del territorio silano e gli operatori del turismo e dell'enogastronomia, seguendo le linee guida della recente Legge sulle Ferrovie Turistiche, affiancandosi inoltre e supportando l'azienda di trasporto pubblico, proprietaria dell'infrastruttura e del materiale rotabile, in attività promozionali. Un servizio ferroviario turistico, infatti, non può crescere se scollegato dalle peculiarità del territorio attraversato: il viaggio a bordo del treno d'epoca, che di per sè rappresenta indubbiamente un'esperienza affascinante, deve comunque possedere come obiettivo quello di far conoscere ai viaggiatori le bellezze di un territorio, la cultura, la storia, la gastronomia. Salire su un treno d'epoca lo si fa per raggiungere un luogo, con calma e con i tempi che contraddistinguevano i viaggi del passato: arrivare però in un luogo non per studio o per lavoro come nel caso dei treni dei pendolari, ma esclusivamente per svago, relax, piacere della scoperta. E' ciò che in Sila sta diventando realtà, ed entrerà ancor di più nel vivo nei prossimi mesi, con la riapertura della tratta San Nicola Silvana Mansio - San Giovanni in Fiore. E, in prospettiva, anche del tratto della Ferrovia Silana "basso" tra Pedace e Moccone, puntando anche alla riattivazione di un servizio ferroviario dedicato ai pendolari su parte della "Ferrosilana", con particolare riferimento alla tratta Cosenza - Spezzano della Sila, e ad un servizio "turistico ordinario" con automotrici d'epoca (o automotrici panoramiche come da nostra proposta), affinchè l'altopiano Silano fino a San Giovanni in Fiore diventi raggiungibile, in treno, ogni giorno ed in ogni condizione climatica. 

Ma l'estate a tutto vapore in Sila sarà ancora lunga e piacevole: prossimi appuntamenti con le iniziative speciali organizzate dall'Associazione Ferrovie in Calabria il 12 e 26 agosto (nelle quali sarà anche possibile visitare la riserva FAI de "I Giganti della Sila"). Per prenotare i posti sul Treno della Sila sulle altre numerose date gestite direttamente dalle Ferrovie della Calabria, basta consultare il sito www.trenodellasila.it.

P1010673

Pagina 1 di 21

railbook

#ferrovieDelleMeraviglie
FC FCL 353 Rogliano 2014 08 03 RobertoGalati 3

SCOPRI GLI EVENTI SPECIALI ORGANIZZATI

CON IL TRENO DELLA SILA

NEL RICORDO DEL NOSTRO CARO AMICO MARCO GAGLIARDI...

P1100429

DAI UN CONTRIBUTO ALLA NOSTRA ASSOCIAZIONE
Sostienici

copertina