facebook logo detail google-Plus-icon twitter-icon yt

Il Frecciargento fa tappa a Rosarno: ecco i nostri prossimi obiettivi

19025103 530998387290919 5338209924000064902 o

In questi ultimi i giorni i media hanno dedicato ampio spazio alla storica istituzione della fermata di Rosarno per l'unica coppia (per il momento) di treni ad Alta Velocità Frecciargento Reggio Calabria Centrale - Roma Termini, e relativa istituzione del servizio autobus di collegamento in coincidenza al treno per la Capitale, tra Locri, Siderno, Gioiosa, Mammola e l'importante nodo della Piana. Due storiche battaglie vinte in un colpo solo dall'Associazione Ferrovie in Calabria, grazie ovviamente all'impegno della Regione Calabria, ovviamente di Trenitalia ed RFI e delle autolinee Federico, che però, ovviamente, ha bisogno di alcuni importanti miglioramenti. Fermo restando che già in questi primi giorni la frequentazione della Freccia a Rosarno sta raggiungendo livelli record (mediamente 50 persone al giorno in partenza ed in arrivo, a dir poco incredibile!), visti anche i tempi di percorrenza ultra competitivi (dalla locride poco più di 5 ore con l'accoppiata bus+Freccia) siamo certi che si possa ancora migliorare.

Prima di tutto, è necessario intervenire sui servizi alla clientela alla stazione di Rosarno. Come in tanti sapranno, infatti, è purtroppo chiusa da tempo la biglietteria (e normalmente tutte le stazioni servite dall'Alta Velocità ne sono dotate) e manca un posto Polfer che possa garantire una maggiore sicurezza vista l'alta incidenza (sperando di non essere additati come razzisti) di fenomeni incresciosi provocati dagli immigrati che a decine bivaccano attorno ed all'interno della stazione. Una delle prossime nostre battaglie sarà proprio questa: ridare dignità, come merita, ad una stazione che, anche alla luce dell'imminente attivazione dell'autostazione sita a poche decine di metri dal fabbricato ferroviario, avrà ancor di più una valenza strategica come hub di interscambio per la Piana e per i collegamenti Jonio - Tirreno su gomma. 
Altro argomento è il collegamento con autobus che abbiamo simpaticamente denominato "Locrideargento", oggi limitato al percorso Locri - Rosarno. Fermo restando che attualmente questa tratta viene effettuata dalle autolinee Federico senza alcun contributo regionale (trattasi infatti di servizio "a mercato"), è chiaro che una notevole parte della locride sia ancora impossibilitata a servirsi del Frecciargento per mancanza di collegamenti sia in andata che in ritorno. Abbiamo valutato che il potenziale bacino d'utenza della stazione di Rosarno, sul versante Jonico, arriverebbe fino a massimo Brancaleone verso Sud e Monasterace verso Nord. 
Nel primo caso, sarebbe sicuramente necessaria una "retrocessione" dell'autobus Locri - Rosarno a Brancaleone, in modo da servire in modo capillare i centri di S.Ilario, Ardore, Bovalino, Bianco, Africo Nuovo, Ferruzzano ed appunto Brancaleone, mentre nel caso del versante "nord", rendendosi probabilmente difficile (e forse non molto utile) effettuare un autobus ulteriore solo per servire i centri di Monasterace, Riace, Caulonia e Roccella Jonica, probabilmente sarebbe molto più utile un collegamento ferroviario o autobus (che come vedremo esisterebbe già!) tra Roccella Jonica e Catanzaro Lido/Lamezia Terme Centrale con fermate in tutte le stazioni, servendo quindi rapidamente sia Roccella, che i centri di Caulonia, Monasterace, Guardavalle, Badolato e Soverato (relativamente al servizio su ferro sono attualmente inattive al servizio viaggiatori le stazioni di Riace, S.Caterina Jonio, S.Andrea Jonio e Squillace). Ma chiaramente significherebbe istituire una coppia di treni aggiuntiva, sia in andata che in ritorno, almeno sul tratto Roccella Jonica - Catanzaro Lido dove si arriverebbe in coincidenza con il Regionale 22758 in partenza per Lamezia Terme Centrale alle 6.40 ed in coincidenza con la Freccia per Roma a Lamezia Terme Centrale. In senso inverso, all'arrivo della Freccia da Roma, esiste il bus sostitutivo (RC083) Lamezia Terme Centrale - Catanzaro Lido in partenza alle 21.15. In questi ultimi giorni, in realtà, abbiamo scoperto che questo bus sostitutivo di Trenitalia, effettuato dalle autolinee Federico, arrivato a Catanzaro Lido viene ricoverato presso il deposito aziendale di Satriano, passando quindi per Soverato (!). Il prolungamento in questa località, a costo zero, sarebbe quindi fattibile, probabilmente, già nell'immediato. Probabilmente, reperendo le risorse necessarie, sarebbe possibile anche prolungarlo verso Roccella Jonica, e dare così una continuità sia in andata che in ritorno alla Freccia, verso il soveratese ed il nord della locride. 

19095641 530996277291130 2643486495668024059 o


Ma torniamo per un attimo al servizio di andata al mattino, da Roccella Jonica a Catanzaro Lido/Lamezia. Come anticipato, l'istituzione di un treno ex novo, salvo spostamenti di corse da altre fasce orarie (sicuramente poco opportuno), è molto difficile in tempi brevi vista la scarsità di risorse. In pochissimi sanno però che esiste già oggi il bus sostitutivo RC 060 di Trenitalia Locri (4.50) - Catanzaro Lido (6.30), con fermate intermedie a Siderno, Gioiosa, Roccella e Monasterace.
Intervenendo su questo bus, con lievissime modifiche (visto che andrebbero inserite le fermate di Caulona, Guardavalle, Badolato e Soverato) e qualche "spicciolo" in più per la Regione Calabria, si potrebbe optare per una modifica eccezionale, ovvero il prolungamento dello stesso verso Lamezia Terme Centrale con bypass di Catanzaro Lido, percorrendo la nuova SS 106 tra Squillace e Germaneto. Tra l'altro, essendo questo bus in coincidenza a Catanzaro Lido con il Regionale 22603 Lamezia Terme Centrale - Catanzaro Lido - Crotone in partenza alle 7.40, la buona sorte ci viene incontro e questa coincidenza potrebbe essere mantenuta, ma alla stazione di Catanzaro Germaneto, da dove il bus diretto a Lamezia passerebbe per ovvi motivi, e potrebbe effettuare quindi fermata! Chi parte da Catanzaro Lido per raggiungere la Freccia, ovviamente, si serve del Regionale 22758 in partenza per Lamezia TC alle 6.40 già esistente.
In una sola azione, quindi, nascerebbe il collegamento diretto Locri - Monasterace - Soverato - Lamezia in coincidenza con il Frecciargento per Roma, e non si danneggerebbe chi dalla locride e dal soveratese deve raggiungere Crotone entro le 8.30. Viceversa la sera il bus RC 083 Lamezia Terme Centrale (21.15) - Catanzaro Lido (22.05) in coincidenza con la Freccia da Roma, che come abbiamo già appurato potrebbe essere da subito un Lamezia Terme - Soverato, andrebbe prolungato almeno fino a Roccella Jonica con fermate anche in questo caso a Soverato, Badolato, Guardavalle, Monasterace e Caulonia.

Ma prima di concludere la nostra proposta, sperando che venga presto approvata dalla Regione Calabria e soprattutto che in tempi non lontani si riesca ad avere un collegamento ferroviario tra Roccella e Lamezia a servizio della Freccia, è d'obbligo un ringraziamento a tante persone che hanno contribuito all'ottima realizzazione dell'iniziativa a Rosarno dello scorso 11 giugno. In primis al nostro associato di Locri Sergio Grasso, una vera macchina da guerra che ha pianificato nei minimi dettagli l'iniziativa, seguito dall'amico Riccardo Fazzolari della gelateria Golosia di Marina di Gioiosa Jonica che assieme alla Garruzzo Dolciaria di Rosarno ha offerto un'abbondantissima colazione ai primi viaggiatori partiti da Rosarno con la Freccia, al Vescovo di Locri Monsignor Franco Oliva che ha dato la benedizione all'iniziativa, passando per il Sindaco di Rosarno Giuseppe Idà, Franco Candia (Presidente dell'Assemblea dei Sindaci della Locride) e Mario Diano, Presidente del Corsecom della Locride. 
Speriamo di poter ripetere presto questo evento, stavolta festeggiando a Lamezia Terme Centrale assieme ai territori del nord-locride e del soveratese, oltre a quelli della bassa locride fino a Brancaleone, con la speranza che presto si riescano a raggiungere anche queste popolose località. 
Clicca qui per vedere il bellissimo reportage by Lentelocale

19023312 530999060624185 7239718573764766979 o

19023469 530999067290851 1298110000234604386 o

 

06/06/2011: sei anni, ricordando Marco Gagliardi...

marco ga

Sembra trascorsa un'eternità da quando il nostro grande amico e Socio 001, Marco Gagliardi, ci ha tragicamente lasciato. Il 6 giugno del 2011 rimarrà nei nostri ricordi purtroppo più tristi: una data che tra l'altro, per uno strano scherzo del destino, ricordiamo anche essere il giorno in cui è definitivamente cessato l'esercizio ferroviario sulle Ferrovie Taurensi, con la chiusura, in quella data, della Gioia Tauro - Cinquefrondi. 

Ma con la positività, la speranza e la fiducia che da sempre ci contraddistingue, noi andiamo sempre avanti, ricordando i momenti più belli e soprattutto il contributo in amicizia e competenza, nonostante la giovanissima età, che Marco Gagliardi ci ha lasciato in eredità. Da quel brutto giorno a poco più di un anno dopo, quello che era un "semplice" gruppo di amici appassionati di treni e ferrovie in Calabria, sarebbe diventato quella che oggi è la più importante associazione dell'ambito del trasporto su rotaia della nostra regione.
Grazie anche a Marco, ed ai suoi ideali che oggi continuiamo a portare avanti, certi che lui sia ancora oggi al nostro fianco.

Frecciargento a Rosarno: l'11 giugno sit-in di benvenuto... e navetta gratis da Locri!

 

locandina 11 giugno frecciargento federico

Un evento così importante merita un festeggiamento altrettanto importante! In occasione della prima fermata a Rosarno del treno Alta Velocità Frecciargento 8352 Reggio Calabria Centrale - Roma Termini, il prossimo 11 giugno, l'Associazione Ferrovie in Calabria, per festeggiare questo obiettivo raggiunto, organizza alla stazione di Rosarno un piccolo sit-in di benvenuto.


Ma non solo: a partire dal primo giorno di effettuazione di questo importante servizio verrà attivato anche il collegamento in bus dalla Locride! Per cui domenica 11 partiremo da Locri con il nuovo servizio di collegamento per Rosarno, in coincidenza con il FrecciArgento per Roma. Per il primo giorno, sia all'andata che al ritorno, il servizio, svolto dalle Autolinee Federico, sarà anche gratuito sulle due corse in coincidenza al Frecciargento. All'arrivo, alla stazione di Rosarno, il gruppo troverà una piccola colazione con caffè e pasticceria gentilmente offerti da Dolciaria Garruzzo di Rosarno e da Golosia di Marina di Gioiosa Jonica.
All'evento hanno dato disponibilità di partecipazione anche il Sindaco di Rosarno Giuseppe Idà (anche in rappresentanza dei Comuni della Piana), il Presidente dell'Associazione Comuni della Locride Rosario Rocca, il Presidente del Corsecom (coordinamento che raggruppa diverse organizzazioni sociali – culturali – economiche nella Locride) Mario Diano. Tre figure istituzionali che si sono battute strenuamente per raggiungere questo obiettivo storico per la Piana di Gioia Tauro e la Locride, territori che saranno collegati con Roma in poco più di 4 ore, viaggio in navetta compreso per chi proviene dal versante Jonico.

Perciò, sotto con le prenotazioni per il primo Frecciargento in partenza da Rosarno per la Capitale: con il LOCRIDEARGENTO passeremo a prendervi sui piazzali esterni delle stazioni FS a:
Locri (6.10),
Siderno (6.15),
Marina di Gioiosa Jonica (6.20)
Gioiosa Jonica - Svincolo SGC (6.25)
Mammola - Svincolo SGC (6.30)

ed arriveremo a Rosarno alle ore 7.10, 20 minuti prima della partenza della Freccia. Vi aspettiamo!

 

Cosenza - Spezzano della Sila in treno: una proposta di trasporto locale eco-sostenibile

Un altro sogno che speriamo possa presto tornare ad essere realtà: il ripristino del servizio ferroviario di trasporto pubblico locale sulla Ferrosilana, tra Cosenza, Pedace e Spezzano della Sila, soppresso nell'ormai lontano 2011. manifesto convegno 30 maggio - CopiaDi questa proposta, che abbiamo elaborato in collaborazione con gli amici del Comitato Pro Ferrovia Silana di cui facciamo parte, rappresentato dal Presidente Biagio Rizzo e da Don Emilio Salatino, discuteremo martedì 30 maggio proprio a Spezzano della Sila, dalle ore 17.00, presso la Sala Convegni sita in Via Roma. 

Una proposta molto sintetica e razionale (condivisa ed approvata tramite delibera dai comuni attraversati dalla ferrovia), che prevede sostanzialmente la sostituzione in alcuni casi e l'integrazione in altri, degli attuali collegamenti su gomma con il vettore ferroviario, con frequenze ovviamente degne di un servizio metropolitano (quando la linea venne sospesa esistevano soltanto 3 coppie di treni al giorno). Inoltre, come illustreremo, il percorso ferroviario da Pedace a Spezzano della Sila, per la particolare capillarità sul territorio delle stazioni ferroviarie e delle fermate (5 in 10 km, praticamente una media di una ogni 2 km!), site nella maggior parte dei casi proprio a ridosso dei centri abitati, si presta ad un servizio ferroviario di stampo suburbano, che potrebbe diventare praticamente "porta a porta" con l'istituzione di alcune nuove piccole fermate. 
Di tutto ciò, e tanto altro che ovviamente non vi anticipiamo (!) discuteremo assieme al Sindaco di Spezzano della Sila Salvatore Monaco, al Presidente del GAL Sila Antonio Candalise, con gli interventi dell'Assessore regionale alle Infrastrutture Roberto Musmanno, agli On. Enza Bruno Bossio e Giuseppe Giudiceandrea costantemente impegnati in prima linea nella valorizzazione dei trasporti ferroviari, e dell'Ing. Alessandro Marcelli in rappresentanza delle Ferrovie della Calabria. Il convegno sarà moderato dalla Dott.ssa Concetta Castiglione, Assessore al Turismo del Comune di Spezzano della Sila.
Trarrà le conclusioni il Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, ed i Sindaci consegneranno ai rappresentanti regionali le delibere di adesione alla nostra proposta. 

Perciò, cittadini, appassionati ed associazioni...non mancate all'appuntamento! Vi aspettiamo!

Sulle Orme di Gioacchino da Fiore con il Treno della Sila: reportage di un importante "esperimento" per il turismo silano

P1130880

Come abbiamo avuto modo di comunicare attraverso la nostra pagina facebook, con reportage fotografico e video, la scorsa domenica 23 aprile si è registrato un nuovo successo con il Treno della Sila, e nello specifico con l'evento "Sulle Orme di Gioacchino da Fiore". Come per le iniziative del 19 febbraio e del 5 marzo, proseguono infatti i treni a vapore tematici che noi di Associazione Ferrovie in Calabria, convenzionati con le Ferrovie della Calabria, organizziamo per promuovere il territorio silano ed ovviamente la gloriosa Ferrovia Silana, assieme ai Comuni, alle guide turistiche/ambientali, ed assieme agli operatori del settore eno-gastronomico silano. 
Sulle Orme di Gioacchino da Fiore fa capire già di cosa stiamo parlando: grazie all'importante contributo degli amici del Comune di San Giovanni in Fiore, abbiamo infatti fatto proseguire "idealmente" il treno a vapore verso il suo naturale capolinea (che si spera la prossima estate 2017 possa divenire meno "ideale"!). Non è mancata neanche in questo caso la ricca degustazione di prodotti tipici silani, organizzata alla stazione di Camigliatello dalla rete Silautentica, e tanta buona musica folk a bordo del convoglio, grazie al bravissimo Duo Pianelli. Ma ovviamente la sbuffante FCL 353 con le vetture a terrazzini non è arrivata a San Giovanni in Fiore, ma i viaggiatori a bordo del treno sì, in autobus di Ferrovie della Calabria, dopo aver consumato il pranzo presso il ristorante La Locomotiva di San Nicola Silvana Mansio. Nella "capitale della Sila" si è svolta una interessante visita guidata che ha abbracciato l'importante Abbazia Florense, le botteghe artigiane ed il Museo Demologico. Tra i viaggiatori, erano presenti anche alcuni importanti tour operator della costa Jonica calabrese e di Roma, interessati alle iniziative legate al Treno della Sila. 
E sono proprio queste iniziative "integrate" che dovrebbero essere incentivate per ampliare sempre di più il bacino turistico da attirare in Sila. Non solo quindi la Calabria ed il suo turismo interno, ma anche il resto d'Italia e perchè no, del mondo.

17991047 941350039302081 1349893785168786761 n

18034234 941350055968746 22191965774971253 n

18119239 941758112594607 2420500633210588526 n

18057760 941758299261255 9006917488118123320 n

18034306 941758282594590 7415803376618128017 n
Di questo abbiamo discusso lo scorso 4 maggio presso la sede della Pro Loco di Camigliatello, assieme all'Assessore al Turismo del comune di Spezzano della Sila, al GAL Sila, alla Rete Silautentica e vari albergatori, ristoratori e guide turistiche: l'obiettivo è quello di costruire tutti assieme una serie di pacchetti turistici anche di più giorni, che ruotano attorno al Treno della Sila (che potrebbe diventare un vero e proprio brand identificativo del Parco), da proporre ai tour operator affinchè facciano proprie queste proposte, ed inizino a credere in esse. Ovviamente il tutto sostenuto da un calendario di date a medio/lungo termine, attualmente allo studio e che verrà sottoposto alle valutazioni tecniche delle Ferrovie della Calabria, in cui circolerà il treno a vapore
Nel frattempo gli "esperimenti" non si fermano: Domenica 28 maggio, torna il Treno del Vino e dei Sapori Silani: vi aspettiamo!

IMG 20170504 174744

IMG 20170504 174759

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo