353

Il progetto scuola-ferrovia, promosso dall'Associazione Ferrovie in Calabria, ha fatto tappa presso un nuovo Istituto scolastico calabrese, l'IC Gaetano Cistaro di Guardia Piemontese. La proposta formativa, volta a sensibilizzare i giovani verso tematiche sempre più attuali come l'ecosostenibilità e il rispetto per l'ambiente, ha coinvolto gli studenti del centro guardiolo in un viaggio alla scoperta del patrimonio ferroviario territoriale a bordo del treno storico della Sila.

L'iter progettuale, strutturato in due moduli, ha avuto inizio con un incontro propedeutico all'uscita didattica, nel corso del quale i membri della nostra Associazione hanno incontrato i ragazzi per approfondire le peculiarità del panorama ferroviario calabrese. Un affondo è stato chiaramente riservato al treno d'epoca, inteso come bene archeologico industriale e imprescindibile tassello della cultura materiale regionale. Il dibattito, inoltre, ha anche interessato la problematica del trasporto sostenibile, discussa dall'Associazione anche alla luce della recente convenzione stipulata con il FAI (Fondo Ambiente Italiano).

16

14

Precisamente in merito a quest'ultimo tema, i partecipanti hanno avuto modo di approfondire la biosfera del Parco Nazionale della Sila, scoprendo la singolarità della sua flora e fauna. Al termine dell'appuntamento i ragazzi, forti di quanto appreso, hanno affrontato con maggiore consapevolezza l'uscita in treno tenutasi il giorno successivo, durante la quale hanno potuto esperire in prima persona quanto appreso in classe. Effettivamente gli studenti non solo hanno constatato attivamente il valore culturale rivestito dalla storica ferrovia silana ma anche l'importanza della mobilità a impatto ambientale ridotto.

4

Questo aspetto è diventato, successivamente, argomento di discussione nel corso della visita che la scolaresca ha svolto presso il Centro Visite del Cupone dove, in compagnia dei carabinieri del Corpo Forestale, ha visitato i percorsi faunistici e il museo naturalistico. Prima di rientrare i piccoli partecipanti hanno avuto modo di esprimere il loro entusiasmo per la giornata appena vissuta, anche attraverso la produzione di un elaborato artistico che hanno donato ai membri di Ferrovie in Calabria in ricordo dell'esperienza vissuta.

5

Ancora una volta il progetto scuola-ferrovia ha perseguito l'obiettivo di aiutare le nuove generazioni a riappropriarsi di un pezzo fondamentale della identità culturale di appartenenza, con il fine di renderle parte attiva nella tutela del patrimonio culturale e naturalistico territoriale. Per questa ragione l'Associazione Ferrovie in Calabria raggiungerà prossimamente gli studenti di altri Istituti calabresi per iniziare un nuovo percorso educativo e sbuffare, insieme a loro, verso nuovi orizzonti.

Antonio Cosentino

8

10

9

P1000935

Il Treno della Magna Grecia cresce. E tanto, se consideriamo che, per il momento, si tratta di un'iniziativa limitata ad una, massimo due volte all'anno. Dai circa 20 partecipanti di due anni fa, con l'iniziativa dedicata alla visita al Museo Archeologico di Locri, fino agli oltre 40 di oggi, con l'evento dedicato al complesso museale di Kaulon ed alla bellissima Stilo. 
Queste iniziative, organizzate in occasione del Mese/Giornata delle Ferrovie Dimenticate promosso dalla Cooperazione per la Mobilità Dolce, vengono svolte sul versante jonico calabrese con l'intento di valorizzare la linea ferroviaria Jonica che dal 1875 unisce Taranto con Reggio Calabria, anche per finalità turistiche. Con un potenziale enorme, se consideriamo che gran parte dei siti archeologici jonici, si trova a pochissima distanza dai binari da poco rinominati in via ufficiale Ferrovia della Magna Grecia! Dal museo di Locri Epizefiri, passando per gli scavi archeologici di Sibari e museo, Kaulon ed il relativo museo a Monasterace, Museo e Parco archeologico nazionale di Scolacium a Roccelletta di Borgia, la Villa Romana a Casignana, e tanto altro: tutto a perfetta...portata di treno, o treno + pochi km di autobus.
Nella giornata odierna, l'evento è stato promosso da associazioni ormai veterane nell'ambito della valorizzazione dei beni archeologici e culturali della nostra regione, ed anche dello sviluppo della mobilità dolce: la sezione Italia Nostra di Crotone (coordinata dalla nostra socia onoraria Teresa Liguori), Gruppo Archeologico Krotoniate diretto da Vincenzo Fabiani, il Gruppo Archeologico Paolo Orsi di Soverato diretto da Angela Maida...ed ovviamente l'Associazione Ferrovie in Calabria che ha curato l'organizzazione logistica degli spostamenti in treno ed in autobus. Presente assieme al gruppo, il nostro grande amico giornalista di RTC ed appassionato di treni, Manuel Soluri.

P1000931

P1000937

Proprio in treno, è stata raggiunta la stazione di Monasterace - Stilo da Crotone, Catanzaro Lido e Soverato, con i treni Regionali 22625 Sibari - Catanzaro Lido e 3667 Catanzaro Lido - Reggio Calabria Centrale, con arrivo a Monasterace - Stilo alle 10.13. Altri partecipanti sono giunti anche da Roccella Jonica. Ottimo viaggio a bordo del nuovissimo ATR 220 Swing di Trenitalia da Catanzaro Lido a Monasterace, dove all'arrivo della comitiva era pronto l'autobus di Audino Viaggi di Locri, che ha accompagnato il gruppo a visitare il Museo ed il Parco Archeologico dell'Antica Kaulon. Un ringraziamento è d'obbligo alla Direzione Passeggeri Regionale di Trenitalia che, informata per tempo della presenza della nutrita comitiva, ha rinforzato la composizione del Regionale 3667 grazie all'effettuazione di questa corsa tramite ATR 220.
Giunti al museo, l'attenta ed appassionata guida del Professore Francesco Cuteri, ci ha riportato nell'Antica Grecia: non una semplice e spesso sterile descrizione dei reperti esposti, ma una vero e proprio salto nel passato, tra mito e realtà storica, intrecciato con nozioni legate alle modificazioni geografiche, nei secoli, del territorio su cui sorgeva l'antica Kaulon. Con il Professore Cuteri, peraltro, torneremo presto su un argomento ferroviario, tentando di ricostruire grazie alla sue enorme conoscenza, la storia della antica ferrovia borbonica che collegava Bordingiano (località nei pressi di Stilo) con Monasterace Marina, quando ancora non esisteva neppure la Ferrovia Jonica. Una linea ferroviaria decauville, per esclusivo trasporto merci, le cui uniche (o quasi) vestigia periodicamente tornano a spuntare...in fondo al mare! Ne vedremo delle belle...
Terminata la visita, sempre in bus abbiamo raggiunto il bellissimo agriturismo Villa Vittoria, dove si è svolto il pranzo, e nel pomeriggio il tour si è concluso con la visita della Cattolica di Stilo, degli adiacenti ruderi del Convento delle Clarisse, ed una piacevole passeggiata per i vicoli di Stilo, centro mantenuto in egregie condizioni di decoro, pulizia ed attrattività turistica. 

P1000941

IMG 20180310 124114

 

P1000946

P1000950

Alle 17.40 il gruppo era di nuovo in stazione a Monasterace - Stilo: alle 17.44 si sarebbe dovuti ripartire alla volta di Catanzaro Lido e Crotone con il Regionale 22492 Locri - Catanzaro Lido, ma un per fortuna breve guasto al Blocco Conta Assi tra le stazioni di Caulonia e Riace ha purtroppo provocato una serie di ritardi a catena. Di fatto, però, nulla è cambiato nel programma del viaggio di rientro, considerando che il gruppo diretto a Crotone ha utilizzato fino a Catanzaro Lido il Regionale 3670 in ritardo di circa 40 minuti, giungendo a destinazione all'orario previsto da programma. Ma l'Associazione Ferrovie in Calabria, non certo scoraggiata da una maggiore permanenza in stazione...è rimasta fedele al programma iniziale, ripartendo con il Regionale 22492 effettuato con ATR 220 Swing, considerando anche che, un associato diretto a Badolato, non avrebbe avuto alternative all'utilizzo di questo treno poichè il precedente 3670 Reggio Calabria Centrale - Catanzaro Lido in ritardo, non effettua fermata in quest'ultima stazione. 
Un vero peccato: una prossima iniziativa analoga, magari il prossimo anno, poteva proprio essere dedicata al borgo - gioiello di Badolato Superiore. Ma mai dire mai, specie per quanto riguarda il ripristino integrale, a Badolato (centro abitato di circa 3500 abitanti), delle fermate di tutti i treni Regionali. Una battaglia che da tempo l'Associazione Ferrovie in Calabria porta avanti e che speriamo possa presto concretizzarsi.

Per adesso, prossimo appuntamento al bis dei "Treni della Magna Grecia", il prossimo 20 maggio, che per l'occasione diventeranno... "I Treni del Musaba"!: è in via di definizione, infatti, il programma per una nuova, storica iniziativa che coniugherà l'utilizzo del treno sulla Ferrovia Jonica e l'integrazione tramite bus, ad una visita presso il bellissimo Museo di Santa Barbara di Nik Spatari, in comune di Mammola.
E' questa la Calabria che vogliamo!

IMG 20180310 174210

P1000955

Immaginevap

Dopo il grande successo delle iniziative di "Autunno a Vapore", organizzate con il Treno della Sila di Ferrovie della Calabria sulla tratta ferroviaria Moccone - Camigliatello - San Nicola Silvana Mansio, si replica con il calendario di "Inverno a Vapore" dell'Associazione Ferrovie in Calabria! Da oggi, sul portale www.railbook.it (al quale dedicheremo presto un articolo specifico!), è infatti possibile prenotare i posti a sedere sulle due corse del 26 dicembre 2017 e del 6 gennaio 2018, rispettivamente "Il Treno di Babbo Natale" ed "Il Treno della Befana". 

Ma l'inverno "Ferrosilano" proseguirà nelle date del 28 gennaio e 18 febbraio, con "I Treni della Neve" trainati dalla sbuffante vaporiera FCL 353, attorno ai quali ruoteranno tantissime interessanti attività invernali, e terminerà il 4 marzo con un treno speciale dedicato alla Giornata Nazionale delle Ferrovie non Dimenticate: una pianificazione a lungo termine, che dà una ulteriore svolta al modo di concepire il servizio ferroviario turistico sulla linea Silana, grazie alla disponibilità tecnica e logistica delle Ferrovie della Calabria, oltre agli insostituibili supporti dei Comuni di Spezzano della Sila e San Giovanni in Fiore, del GAL Sila, del Parco Nazionale della Sila, del FAI (gestore del Parco dei Giganti della Sila), della Confederazione Mobilità Dolce, della Federazione Italiana Ferrovie Turistiche e Museali e, ovviamente, della Regione Calabria. 

Ma ecco nel dettaglio programmi e contributi di partecipazione delle due prime iniziative di Inverno a Vapore: 

TRENO DELLA SILA
IL TRENO DI BABBO NATALE
26 Dicembre 2017, ore 11:00 - Camigliatello Silano, CS, Italia

Programma
Il 26 dicembre siete tutti invitati ad un nuovo imperdibile appuntamento con il Treno della Sila! Per l'occasione Babbo Natale porterà tante cose buone sarà a disposizione per fare una foto ricordo con grandi e piccini! L'evento è organizzato in collaborazione con il GAL Sila, la rete di imprese Silautentica, il Parco Nazionale della Sila e con il Patrocinio dell'Assessorato al turismo del Comune di Spezzano della Sila. La partenza e il luogo di ritrovo sono fissati nella stazione di Camigliatello Silano, dalla quale i partecipanti partiranno in treno storico a vapore alla volta di San Nicola Silvana Mansio, stazione ferroviaria più alta d'Italia.

TRENO DELLA SILA
IL TRENO DELLA BEFANA
06 Gennaio 2018, ore 11:00 - Camigliatello Silano, CS, Italia

Programma
Il 6 gennaio vi aspettiamo per un nuovo imperdibile appuntamento con il Treno della Sila! Per l'occasione la Befana porterà tante cose buone e sarà a disposizione per fare una foto ricordo con grandi e piccini! L'evento è organizzato in collaborazione con il GAL Sila, la rete di imprese Silautentica, il Parco Nazionale della Sila e con il Patrocinio dell'Assessorato al turismo del Comune di Spezzano della Sila. La partenza e il luogo di ritrovo sono fissati nella stazione di Camigliatello Silano, dalla quale i partecipanti partiranno in treno storico a vapore alla volta di San Nicola - Silvana Mansio, stazione ferroviaria più alta d'Italia.

PROGRAMMA DETTAGLIATO DI ENTRAMBE LE INIZIATIVE

11.00: ritrovo partecipanti presso la stazione ferroviaria di Camigliatello Silano e check-in;
11.30: partenza in treno a vapore alla volta di San Nicola Silvana Mansio. Durante il viaggio piccola degustazione di prodotti tipici ed animazione con musica tradizionale;
12.00: arrivo previsto a S. Nicola – Silvana Mansio, manovre di inversione marcia convoglio, giratura su piattaforma girevole manuale e rifornimento idrico della locomotiva a vapore. Le guide dell'Associazione illustreranno la storia della ferrovia e le peculiarità tecniche della locomotiva;
12.45: ripartenza in treno a vapore per Camigliatello con arrivo intorno alle 13.15;
13.30: pranzo (facoltativo, su prenotazione) presso le strutture convenzionate.

CONTRIBUTI DI PARTECIPAZIONE (VALIDI PER ENTRAMBE LE INIZIATIVE):

Adulti (dai 13 anni): 16 EURO
Ragazzi (3-12 anni): 8 EURO
Bambini (0-2 anni):  GRATUITO

EXTRA (VALIDI PER ENTRAMBE LE INIZIATIVE)
(a cura degli operatori turistici convenzionati con l'Associazione):

PRANZO TIPO PRESSO RISTORANTE CONVENZIONATO
Pranzo tipico completo a 16€ presso ristorante "Staziona e Mangia"(presso Stazione di Camigliatello Silano):

Antipasto silano;
Primo: covatelli alla silana (passata di pomodoro schiacciata e caciocavallo fuso);
Secondo: arrosto misto con salsiccia, pancetta caciocavallo silano;
Contorno: patate silane;
Frutta di stagione;
Bibite: 1/4 di vino, acqua.
Menu bimbi a 10€ (primo semplice, secondo semplice, bibita).

NOTE
È obbligatorio effettuare la prenotazione dei posti tramite questa pagina o contattando gli organizzatori tramite telefono, mail o Facebook indicati nei dettagli;

Il contributo a persona include: viaggio in treno storico, degustazioni di prodotti tipici in treno, accompagnamento musicale;
Il contributo a persona non include: pranzo presso strutture convenzionate (vedi "EXTRA");
Il treno verrà effettuato solo al raggiungimento di un numero minino di partecipanti;
Il treno si effettuerà a prescindere dalle condizioni atmosferiche;
Prenotazione obbligatoria: chi non prenoterà il pranzo dovrà provvedere autonomamente al proprio pranzo.

CONDIZIONI DI ANNULLAMENTO PRENOTAZIONE
È possibile annullare la propria prenotazione e ricevere il rimborso dell'intera cifra versata, al netto delle trattenute legate alle spese per commissioni, fino al 19 dicembre 2017 (compreso) per "Il Treno di Babbo Natale" e fino al 31 dicembre 2017 (compreso) per "Il Treno della Befana". Non sarà garantito il rimborso per disdette successive a questa data.

 

VI ASPETTIAMO!!!!

locandina INVERNO A VAPORE

2017-12-21 1902

Dopo le prime settimane di rodaggio, con i due treni speciali a vapore sulla Ferrovia Silana da noi organizzati (Il Treno di Babbo Natale del prossimo 26 dicembre ed il Treno della Befana del prossimo 6 gennaio), il test è stato superato a pienissimi voti. Railbook, il primo portale web di booking dedicato ai servizi ferroviari turistici, firmato Associazione Ferrovie in Calabria, nato da un'idea del vicepresidente dell'Associazione Vincenzo Calabrò, e del nostro associato (vero e proprio genio dell'informatica) Fabio Rafele, è finalmente pronto a valicare i confini regionali e perchè no...anche nazionali!

Ma letteralmente, in cosa consiste Railbook? Perchè nasce e soprattutto qual è la sua funzione?
Molto semplicemente, ci siamo resi conto che, ad oggi, se è possibile acquistare un biglietto ferroviario, prenotando posti a sedere, cuccette ed altri servizi sui portali delle aziende ferroviarie (come Trenitalia e Nuovo Trasporto Viaggiatori), lo stesso non si può dire dei sempre più numerosi servizi turistici su rotaia, con materiale rotabile d'epoca e non. Nella maggior parte dei casi, l'utente intenzionato a partecipare ad un treno storico o comunque ad un viaggio in treno turistico (quasi sempre associato a pacchetti turistici come visite guidate, ristorazione, pernottamenti etc.), si rivolge direttamente alle imprese ferroviarie, che a loro volta vengono supportate da associazioni di appassionati del trasporto ferroviario, nell'organizzazione di queste particolari e sempre più diffuse iniziative. Insomma, per rimanere in Calabria, è il caso dell'organizzazione dei treni turistici a vapore in Sila (non tutti, ma buona parte), organizzati dall'Associazione Ferrovie in Calabria, la quale è convenzionata con l'azienda di trasporto Ferrovie della Calabria, proprietaria del convoglio storico e dell'infrastruttura. Ma lo stesso si può dire, per esempio, dei nostri amici dell'associazione "Le Rotaie", convenzionati con la Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane, per l'organizzazione di treni storici e turistici sulla mitica "Transiberiana d'Italia" Sulmona – Carpinone. Ed ancora, è il caso di "Rotaie di Puglia", associazione che attualmente organizza treni turistici in collaborazione con le Ferrovie Appulo Lucane e le Ferrovie del Gargano. Tante realtà al momento ancora poco integrate, e tante iniziative che, seppur di grande successo, camminano ancora separatamente. Non esiste una vera e propria rete dei treni turistici e quindi del turismo ferroviario, che di mese in mese prende sempre più slancio, in un territorio come quello italiano, attraversato capillarmente da linee ferroviarie di immenso valore paesaggistico, storico, sociale e culturale.
Il Railbook ha come obiettivo proprio questo: riunire in un unico grande portale, che ha anche le caratteristiche del social network, tutti i treni turistici d'Italia. Accedendo al portale, già attivo all'indirizzo www.railbook.it, ci si ritroverà di fronte ad una grande mappa dell'Italia, sulla quale si troveranno indicati i luoghi in cui verranno effettuati treni turistici, unita ovviamente ad un calendario generale relativo a queste iniziative. L'utente, che può essere indifferentemente un privato cittadino, un tour operator, un'impresa ferroviaria o un'associazione, può scegliere l'evento al quale partecipare, prenotare i propri posti a sedere a bordo del treno turistico, ma non solo: può anche prenotare gli eventi connessi allo specifico viaggio in treno, come appunto escursioni, visite guidate, soggiorni, ristorazioni). La conferma della prenotazione avviene ovviamente tramite pagamento, che può essere sia online tramite gli ormai diffusissimi metodi PayPal o carta di credito, o anche – a discrezione di ogni singola associazione/azienda ferroviaria/tour operator organizzatrice dell'evento – tramite bollettini postali, bonifici, o semplicemente pagamento in contanti lo stesso giorno dell'evento.
Un "wagon editor", permette ad ogni organizzatore di treni turistici, di "costruire" il proprio format delle vetture, con il layout interno dei posti a sedere e relativa loro numerazione, necessario a rendere quindi possibile la prenotazione dei posti da parte degli utenti. Nè più e né meno di quando un utente prenota un posto a sedere in Frecciarossa, scegliendolo lato finestrino piuttosto che lato corridoio, solo che in questo specifico caso...prenoterà il proprio posto (o più posti) a bordo di una antica vettura Centoporte delle Ferrovie dello Stato per un viaggio sulla Transiberiana d'Italia Sulmona - Carpinone, piuttosto che su una storica carrozza a terrazzini delle Ferrovie della Calabria, per un viaggio da Camigliatello Silano a San Nicola Silvana Mansio.
Ma non è tutto: l'editor ovviamente non è specifico solo per il materiale ferroviario, ma permette anche di costruire i layout interni di autobus, battelli, o comunque qualsiasi mezzo di trasporto che abbia dei posti a sedere numerati, rendendo così molto più semplice anche l'integrazione di più vettori, spesso necessaria durante l'organizzazione dei treni turistici. Non è raro infatti che alcuni luoghi da visitare in occasione di questi eventi, non siano direttamente raggiungibili in treno, ma è necessario interscambiare con autobus più o meno grandi: ecco quindi che, il viaggiatore, oltre al proprio posto a bordo del treno, al proprio itinerario turistico ed al proprio pranzo...può addirittura scegliere anticipatamente dove sedersi a bordo dell'autobus!
Una volta disegnato il layout interno delle varie carrozze ferroviarie, l'operatore che gestirà il proprio profilo Railbook di organizzatore di treni turistici, dovrà semplicemente comporre il treno con le vetture previste in composizione per lo specifico evento, e lanciarne la vendita al pubblico che, autonomamente, prenoterà quindi i propri posti a sedere.
Ovviamente, agli organizzatori dei treni turistici, Railbook rilascia anche gli elenchi completi di coloro che hanno prenotato il proprio viaggio, dando un quadro completo di "cosa" è stato prenotato da ogni singola persona o gruppo di persone, se solo il viaggio in treno, o anche i pacchetti turistici annessi. L'operatore organizzatore dell'evento, quindi, saprà dettagliatamente che, il signor Mario Rossi, ha prenotato il posto 36 sulla carrozza 2, il pranzo presso il ristorante "La Locanda di Giovanni", un pernottamento presso l'hotel "Buona Notte". E, ad ogni specifico partner, ovvero ristorante, hotel, guida turistica etc, l'organizzatore del treno, potrà inviare una lista completa solo dei partecipanti al treno turistico, che hanno scelto quella specifica attività complementare. Ovviamente, sempre generata dal cervellone del Railbook!

Ma come anticipato, l'obiettivo di Railbook non è solo quello di rendere più semplice l'organizzazione dei treni turistici da parte degli operatori. Lo scopo è quello di creare una grande rete, grazie alla quale, l'utente che viene a conoscenza dell'organizzazione del "Treno dei Trabucchi" da Foggia a Peschici sulle Ferrovie del Gargano, gestito dall'Associazione Rotaie di Puglia, andando a prenotare il proprio posto in treno ed il relativo pacchetto turistico su www.railbook.it, scoprirà attraverso il calendario caricato sul portale, che esiste anche – ad esempio – il Treno della Sila e le sue relative iniziative, la Transiberiana d'Italia, il Treno Verde della Sardegna e tanto, tanto altro. E deciderà magari di provare anche altre esperienze ferroviarie attraverso le bellezze d'Italia, lasciando anche il proprrio feedback.

Ma sicuramente, quasi tutti, arrivati a questo punto, si chiederanno: "quanto mi costa aderire al Railbook con la mia associazione/impresa ferroviaria/tour operator"? La risposta è semplice: solo piccole donazioni di chi intederà utilizzarlo, ed avrà quindi un proprio account che gli permetterà di caricare e mettere in vendita i propri eventi. Lo scopo delle donazioni è quello di sostenere le spese di gestione del portale, che ha degli ovvi costi relativi a posizionamento sui server, pubblicizzazione, manutenzione. Lo scopo dell'Associazione Ferrovie in Calabria, ideatrice di questo portale, è solo quello di promuovere l'utilizzo, la valorizzazione e l'incremento dei treni storici e delle tratte ferroviarie ad alta vocazione turistica, mettendole in rete e portando quindi beneficio ai territori attraversati da quelle antiche rotaie, posate dai nostri padri e dai nostri nonni, che oggi, percorse da treni d'epoca perfettamente restaurati e funzionanti, tornano a rappresentare un'occasione di rinascita economica e sociale della nostra bellissima Italia.

Ed ora, via libera alle adesioni: il Railbook, dalla Calabria, è a disposizione di tutti coloro che in Italia – ed in futuro anche all'estero - vorranno caricare le proprie iniziative su questo portale. Per maggiori informazioni e per aderire alla piattaforma, basta contattarci all'indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. !

18664216 961064260663992 1552328321647767814 n

Dopo le prime iniziative "pilota" tenutesi all'inizio di quest'anno, l'attività "Scuola-Ferrovia" dell'Associazione Ferrovie in Calabria diventa da oggi una realtà concretizzata ed ufficializzata assieme ai prestigiosi partner che renderanno possibile e sempre più accattivante questo progetto, ovvero GAL Sila, FAI - Fondo Ambiente Italiano (con particolare riferimento al presidio FAI calabrese dei Giganti della Sila), e Parco Nazionale della Sila. 

Nello specifico, il progetto ''Scuola Ferrovia'', ispirato alle analoghe iniziative svolte in ambito FS dai Dopolavoro Ferroviari, persegue l'obiettivo di sensibilizzare i ragazzi verso tematiche sempre più attuali, quali l'ecosostenibilità, il valore storico del patrimonio ferroviario e il rispetto per l'ambiente. Gli argomenti trattati, afferenti a diverse discipline scolastiche, garantiscono la multidisciplinarietà della proposta che, pertanto, interesserà questioni già dibattute con gli insegnanti nel corso dell'anno scolastico.
Il progetto, attraverso un approccio didattico cooperativo, intende educare i ragazzi al rispetto dell'ambiente e del territorio, portandoli direttamente in luoghi dall'elevatissimo valore naturalistico e, tramite coloro che quotidianamente ne salvaguardano l'integrità, farne capire l'importanza a livello sociale, culturale ed economico. Ma vuole anche trasmettere ai ragazzi l'esempio della professionalità e della dedizione attuata dai ferrovieri che, con il loro lavoro, conservano e valorizzano veicoli dall'enorme valenza storica e tecnica, facendo scoprire le particolarità ed i retroscena del mondo ferroviario, il ruolo della ferrovia nelle storie legate al territorio, tanto di sviluppo quanto di emigrazione, ed in un futuro in cui il trasporto eco-sostenibile diventa un'autentica priorità per un mondo che guarda sempre con maggiore attenzione al tema ambientale. L'obiettivo è qundi quello di sviluppare nei ragazzi comportamenti e ragionamenti volti alla salvaguardia dell'ambiente e ad un atteggiamento più responsabile nei confronti delle tematiche del trasporto ecosostenibile.

17637184 486955325028559 3415742039975482958 o

18671281 961049613998790 3304619358706929517 n

L'iter progettuale in questione risulta articolato in due moduli, il primo dei quali prevede una lezione frontale in classe facoltativa e propedeutica all'uscita didattica in treno storico di Ferrovie della Calabria sulla Ferrovia Silana, pertanto questo appuntamento si configura come uno strumento preparatorio nel corso del quale gli studenti, supportati da un operatore inviato dall'Associazione, apprenderanno teoricamente quanto esperiranno in prima persona nel corso del viaggio educativo. L'incontro in classe, della durata di due ore, fornirà alcuni cenni sulla storia del Treno della Sila, inteso non solo come bene archeologico industriale, ma anche come tassello della nostra cultura materiale e sull'avvento delle prime ferrovie in Italia, privilegiando un affondo sullo sviluppo della rete ferroviaria in Calabria. Successivamente ci si soffermerà sugli aspetti tecnici inerenti il treno, con l'obiettivo di spiegarne ai ragazzi il funzionamento e le modalità di gestione da parte del personale addetto, il cui ruolo e le principali mansioni saranno oggetto di un ulteriore approfondimento. Imprescindibile nel corso dell'appuntamento sarà il dibattito sull'ecosostenibilità, necessario per sensibilizzare i giovani all'importanza del trasporto sostenibile, di cui l'Associazione si fa portavoce, soprattutto alla luce della convenzione recentemente stipulata con il FAI (Fondo Ambiente Italiano). Nel corso della tratta percorsa dal treno storico, infatti, verrà lambito il territorio del Parco Nazionale della Sila che, grazie all'unicità della sua flora e fauna, si è garantito il titolo di 10° Riserva della Biosfera italiana nella Rete Mondiale dei siti di eccellenza dell'UNESCO. Infine, a seconda dell'itinerario di viaggio scelto dalla scuola, verranno svolti degli affondi sui beni culturali che i partecipanti incontreranno nel corso dell'esperienza, come l'Abbazia Florense di San Giovanni in Fiore o il Santuario di San Francesco di Paola a Spezzano della Sila. Al temine dell'appuntamento, pertanto, gli studenti avranno le chiavi di lettura necessarie per vivere al meglio e con consapevolezza la giornata di istruzione durante la quale, forti di quanto appreso, potranno esperire attivamente le nozioni assimilate tra i banchi di scuola. Il secondo modulo è relativo l'uscita didattica a bordo del treno storico che partendo da Camigliatello Silano, capolinea della ferrovia dal 1931 al 1956, condurrà i ragazzi presso la stazione di San Nicola-Silvana Mansio (ed in futuro San Giovanni in Fiore), la più alta d'Italia con i suoi 1406 metri d'altezza, passando per l'imponenza delle vallate dell'Altopiano Silano. L'itinerario da svolgere, al termine dell'esperienza sul treno storico, può essere scelto dalla scuola tra quelli elencati in allegato e comprende percorsi naturalistici o storico-artistici. Il progetto ''Scuola Ferrovia'' si configura, pertanto, come un'occasione utile per agevolare la riscoperta, da parte degli studenti, dell'identità culturale di appartenenza, nonché un modo per rendere consapevoli le nuove generazioni del valore storico e ambientale del territorio, senza dimenticare che, chiaramente, sarà una occasione di sviluppo in più per il Treno della Sila, la cui funzione non sarà esclusivamente turistica come lo è attualmente, ma diventerà anche didattica e di grande importanza per la crescita e lo sviluppo umano e culturale delle future generazioni di calabresi.

Per maggiori dettagli sul progetto, consigliamo la lettura della brochure ad esso dedicata, che nelle prossime settimane verrà proposta ai direttori didattici delle scuole calabresi, iniziando da quelle del cosentino. 


CLICCA QUI PER LEGGERE E SCARICARE LA BROCHURE

Pagina 4 di 22

railbook

#ferrovieDelleMeraviglie
FC FCL 353 Rogliano 2014 08 03 RobertoGalati 3

SCOPRI GLI EVENTI SPECIALI ORGANIZZATI

CON IL TRENO DELLA SILA

NEL RICORDO DEL NOSTRO CARO AMICO MARCO GAGLIARDI...

P1100429

DAI UN CONTRIBUTO ALLA NOSTRA ASSOCIAZIONE
Sostienici

copertina