Quello che sempre ribadivamo negli scorsi anni, prima che la Ferrovia Silana venisse ripristinata nel suo tratto da Moccone a San Nicola Silvana Mansio, si sta effettivamente rivelando tale. Parliamo dell'infinita varietà di iniziative che possono essere organizzate attorno al servizio ferroviario turistico a vapore, attraverso l'integrazione con i mezzi di trasporto su gomma e, ovviamente, la sinergia tra gli operatori turistici del territorio. A tal proposito nascerà nelle prossime settimane un interessante accordo con il GAL Sila, che illustreremo meglio nei prossimi giorni.
Dopo il successo de "Il Treno della Sila sulle Orme di Gioacchino da Fiore", domenica 28 maggio torneremo a sbuffare sulla Ferrosilana con una "vecchia conoscenza" delle iniziative dell'Associazione Ferrovie in Calabria: Il Treno del Vino e dei Sapori Silani, anche in questa occasione in collaborazione con il Comune di Spezzano della Sila ed il GAL Sila, entrambi patrocinatori dell'iniziativa! locandina treno vino PACCHETTI

In questa occasione, infatti, la rete di Imprese Silautentica concentrerà la degustazione di prodotti enogastronomici proprio sui vini, che potranno essere degustati dai partecipanti al treno a vapore, assieme ad un enologo e ad un sommelier che descriveranno nello specifico le caratteristiche dei vini locali offerti. Come in occasione delle precedenti iniziative, la degustazione avverrà alla stazione di Camigliatello Silano, all'arrivo del treno a vapore che partirà da Moccone alle ore 11.00 (raduno viaggiatori in quest'ultima stazione alle ore 10.30). Durante tutto il viaggio, a bordo del treno a vapore saremo accompagnati dal bravissimo duo musicale Pianelli, che ci allieterà con musiche e canti folk del territorio.
Ma stavolta vogliamo fare ancora di più: chi salirà a bordo del mitico treno a vapore di Ferrovie della Calabria il 28 maggio, potrà scegliere due diversi itinerari connessi all'iniziativa. 
La sceltà partirà dalla stazione di San Nicola Silvana Mansio, all'arrivo del convoglio alle ore 12.30. Si assisterà tutti assieme alle manovre di giratura della vaporiera FCL.353 sulla piattaforma, alla ricomposizione del convoglio e da qui si potranno scegliere (previa prenotazione) due diversi itinerari.
Il primo itinerario, dal costo di 2 € a persona, prevede il rientro da San Nicola Silvana Mansio a Camigliatello in treno a vapore ed il transfert in autobus dalla stazione di Camigliatello alla interessantissima Fattoria Biò ed anche in questo caso, previa prenotazione, è possibile pranzare in loco. Alle 17.30 l'autobus riporterà i partecipanti alla stazione di Moccone, dalla quale si è partiti al mattino in treno a vapore.
Il secondo itinerario, più "tradizionale" e dal costo di 4€ a persona, prevede una breve escursione Trekking all'interno del territorio del Parco della Sila, dalla stazione di San Nicola Silvana Mansio. Il rientro a Moccone è previsto in autobus alle ore 17.30. Alla stazione di San Nicola Silvana Mansio, su prenotazione, è possibile pranzare presso il bellissimo ristorante "La Locomotiva". I dettagli dei costi e del menu sono riportati al termine di questo articolo.


Ma veniamo nello specifico a tutti i dettagli della giornata:

- Ore 10.30: Raduno partecipanti presso la stazione FC di Moccone;
- Ore 11.00: Partenza Treno storico a vapore;
- Ore 11.10: Arrivo alla stazione di Camigliatello Silano e sosta per degustazioni enogastronomiche;
- Ore 12.00: Partenza Treno storico alla volta di San Nicola Silvana Mansio - MUSICA A BORDO;
- Ore 12.30: Arrivo previsto alla stazione di S. Nicola - Silvana Mansio; giratura locomotiva a vapore e manovre del convoglio in stazione;

A SEGUIRE: Transfert presso i ristoranti convenzionati (vedi EXTRA) per il pranzo.
- Ore 15.30: Visiste guidate ed escursioni a seconda dell'itinerario scelto;
- Ore 17.30: rientro con autobus alla stazione di Moccone.

CONTRIBUTO DI PARTECIPAZIONE
€ 16,00 ADULTI
€ 8,00 ragazzi 5-12 anni
Gratis 0-4 anni (senza occupazione del posto a sedere)
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA!

SI RICORDA CHE:
- E' obbligatorio effettuare la prenotazione dei posti contattando gli organizzatori tramite telefono, mail o facebook indicati nei dettagli e nella locandina;
- Il contributo a persona include: viaggio a/r in treno storico, degustazioni di prodotti tipici in stazione a Camigliatello, animazioni musicali e folkloristiche;
- Il contributo a persona non include le visite alla Fattoria Bio, l'escursione lungo il tracciato ferroviario a San Nicola Silvana Mansio ed i transfert in autobus(vedi EXTRA);
- Il treno verrà effettuato solo al raggiungimento di un numero minino di partecipanti;
- Il treno si effettuerà a prescindere dalle condizioni atmosferiche;
- Si consiglia di indossare abbigliamento comodo per le visite previste durante la giornata.

EXTRA:
L'associazione ha stipulato una convenzione con i ristoranti La Locomotiva e Fattoria Biò con le seguenti modalità:
Pranzo al ristorante La Locomotiva: menu adulti 16 €, menu bambini 10 €.
Menu adulti: antipasto - primo - secondo - dolce - 1/4 vino
Menu bambini: primo - secondo - bibita

Pranzo alla Fattoria Biò: menu completo con prodotti a km 0 di produzione propria presso Fattoria Biò: menu adulti 20 €, menu bambini 12 €
Menu adulti: primo di pasta fresca - secondo di carne - frutta - bevande incluse 
Menu bambini: primo - secondo - bibita

VISITE GUIDATE e TRANSFERT: 
Itinerario 1 - Fattoria Didattica: transfert in autobus stazione Camigliatello - Fattoria Biò e rientro con autobus dalla Fattoria alla stazione di Moccone: 2 €
Itinerario 2- Escursione Trekking: escursione trekking all'interno del Parco della Sila, dalla stazione di San Nicola Silvana Mansio, e rientro con bus fino alla stazione di Moccone: 4 €

MODALITA' DI CONFERMA PRENOTAZIONE:
E' necessario contattare l'organizzazione nelle seguenti modalità:
- telefono: 328.3466150 - 347.1054825 - 320.2764062
- email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
- facebook: www.facebook.com/ferrovieincalabria

VI ASPETTIAMO!!

P1130787

Una delle "big" della storia del trasporto su rotaia calabrese che ancora ci mancava, finalmente è stata metaforicamente "espugnata"! Domenica scorsa, infatti, si è tenuta la prima escursione esplorativa sulla vecchia ferrovia Paola - Cosenza, a 30 anni dalla dismissione del 28 aprile 1987, quasi in concomitanza con l'attivazione (31 maggio 1987) del nuovo tracciato ferroviario elettrificato in galleria tra Bivio Pantani e Bivio Settimo, ovvero una sorta di "direttisima" quasi interamente in galleria (la "Santo Marco") tra Paola e Castiglione Cosentino, lungo circa 27 km, che ha cambiato ovviamente in positivo l'appetibilità dei collegamenti ferroviari tra Cosenza ed il resto d'Italia, attraverso il versante Tirrenico.
Il tracciato originario di 35 km, ancora oggi interamente esistente seppur in condizioni precarie, pur non essendo eccessivamente più lungo rispetto a quello nuovo, a causa di un percorso costruito sulla base delle capacità ingegneristiche del 1915, era molto più accidentato a livello di acclività, raggi di curvatura ed in generale molto soggetto a criticità idrogeologiche. Proprio quello dell'acclività, fu un problema che venne superato servendosi della ben nota "rotaia dentata" meglio conosciuta come cremagliera, installata su ben 12 km di tracciato, ovvero tra le stazioni di Paola e San Lucido, da San Lucido a Falconara Albanese e da San Fili a Rende, con pendenze massime del 75‰. 
Ed a proposito di stazioni, a differenza della nuova linea che essendo quasi interamente in galleria non conta stazioni lungo il suo percorso (con l'eccezione del Posto di Movimento Santo Marco all'interno della galleria), il vecchio tracciato ne contava ben 4: da Paola si trovavano in sequenza San Lucido, Falconara Albanese, San Fili e Rende. La stazione di Castiglione Cosentino ricadeva anch'essa sul vecchio tracciato, ma è "sopravvissuta" ed oggi è servita dalla nuova linea. In origine, da Castiglione Cosentino il tracciato ferroviario proseguiva fino al centro di Cosenza, dove la ferrovia terminava nella vecchia stazione ferroviaria sita in Piazza Mancini, di fronte alla stazione di Ferrovie della Calabria di Cosenza Centro. Sempre nel 1987, questo storico (ed utilissimo impianto) venne sostituito dall'enorme stazione di Cosenza Vaglio Lise (collegata con il centro da un tratto ferroviario a scartamento ridotto di FdC, costruito ex-novo), purtroppo lontana dal centro abitato e per questo motivo da sempre sottoutilizzata. 
Il materiale rotabile che circolò sulla vecchia Paola - Cosenza fu sia a vapore che diesel: relativamente alle vaporiere, ricordiamo le mitiche locomotive gruppo 981 (8 unità, paradossalmente ancora tutte esistenti, seppur non funzionanti) dotate di ruota dentata, che fino al 1987 garantirono gli ultimi servizi merci su questa tratta, assieme all'inseparabile carrozza freno. Vogliamo ricordare, tra l'altro, che la Paola - Cosenza fu l'ultima linea ferroviaria italiana delle FS ad avere servizi ordinari a vapore, a ridosso degli anni '90! Ma la gran parte del traffico viaggiatori (a parte l'eccezione della vettura diretta Cosenza - Roma Termini trainata/spinta dalle vaporiere), fu appannaggio delle littorine: si è partiti con le ALn56 serie 1900 dotate di cremagliera, e si è finiti con le relativamente "moderne" ALn64 accantonate definitivamente nel 1990, poichè utilizzate anche dopo la chiusura della "loro" ferrovia, con treni degli studenti lungo la linea tirrenica attorno Paola. 
Ma dopo questo necessario excursus storico, veniamo alla giornata di domenica, iniziata da un raduno dei partecipanti alla stazione di San Lucido Marina, sulla ferrovia Tirrenica Meridionale: prima di tutto, vogliamo ringraziare di cuore per la partecipazione e per aver garantito l'ottima riuscita dell'evento, gli amici dell'associazione San Lucido Cerasuolo coordinati da Alberto Tocci (organizzatore di un convegno dedicato alla Paola - Cosenza, tenutosi lo scorso 11 marzo), e la sezione cosentina di FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) rappresentata da Marcello Carbone. Assieme abbiamo discusso, durante l'escursione, delle prospettive di recupero, per lo meno parziale, di questo tracciato ferroviario. Specifichiamo chiaramente che, purtroppo, pensare ad un ritorno del servizio ferroviario di qualsiasi tipologia (turistico e non), è una ipotesi assolutamente remota. Le condizioni del tracciato, totalmente abbandonato da 30 anni, fanno sì che un ripristino integrale dell'infrastruttura e delle relative opere d'arte abbia costi poco sostenibili e soprattutto difficilmente giustificabili da un ritorno economico dei servizi ferroviari da ripristinare. 
Chiaramente tutto ciò non lo escludiamo a priori, ma sicuramente ad oggi, viste le condizioni della ferrovia e delle relative infrastrutture, l'ipotesi più realistica è una riqualificazione minimale dell'armamento, delle opere d'arte maggiormente danneggiate dall'incuria e di alcuni fabbricati, per permettere l'avvio del cicloturismo. Ma ci riferiamo ad un cicloturismo molto particolare, del quale abbiamo discusso con l'amico Marcello Carbone di FIAB, molto diffuso in altre nazioni europee ma, purtroppo, ancora poco conosciuto in Italia (anche se ancora per poco): ci riferiamo ai simpaticissimi Velorai. I velorail sono dei quadricicli su rotaia, che permettono di visitare in modo alternativo un territorio, su dei veri e propri "tandem ferroviari"!

viadotto san giovanni

galleria san lucido

viadotto san giovanni 2

P1130815

P1130824

P1130832
Domenica abbiamo visitato, seppur al momento in modo non approfondito viste le poche ore a disposizione (ma ritorneremo presto sul tracciato per ulteriori sopralluoghi), tutte le stazioni poste sul tracciato ed i tratti di ferrovia maggiormente interessanti dal punto di vista paesaggistico. Assieme agli amici di San Lucido Cerasuolo e FIAB, abbiamo quindi individuato, come step iniziale, quello che potrebbe essere il primo tracciato Velorail. Parte dal bellissimo viadotto San Giovanni (posto tra le stazioni di San Lucido e Falconara Albanese), passa per la stazione di Falconara Albanese, e prosegue fino all'imbocco della galleria di valico (lunga circa 4 km) che conduce poi a San Fili e quindi sul versante cosentino della linea.

paesaggio san lucido

Lungo questo percorso individuato, abbiamo notato le poco note bellezze paesaggistiche, con la ferrovia che si trova praticamente su una balconata affacciata sul mare, alternando le bellissime viste sulla poco distante costa tirrenica turisticamente già sviluppata (con contemporanea vista di Stromboli e del promontorio del Cilento!) a lussureggianti campagne. La stazione di Falconara Albanese, sita proprio nella frazione "Cerasuolo", potrebbe diventare il punto di snodo per altre escursioni già oggi organizzate dall'associazione San Lucido Cerasuolo, un punto di ristoro ed ovviamente un piccolo museo ferroviario con monumentazione di rotabili legati a questa tratta ferroviaria (magari il primo potrebbe essere la vaporiera 981 006 ancora oggi accantonata a Cosenza). Non molto lontano il centro storico di Falconara Albanese, dove poter proseguire con il tour di visite guidate.

981 006-CosenzaVaglioLise-2014-02-04-RobertoGalati
Ma chiaramente questo potrebbe essere solo uno dei percorsi in Velorail istituibili lungo questo storico tracciato ferroviario, che ancora oggi non finisce mai di stupirci e sembra non voler gettare la spugna: in pochi sanno che il tracciato iniziale lato Cosenza, da Castiglione Cosentino alla stazione di Rende, sarebbe ancora oggi in uso all'Impresa di lavori ferroviari Francesco Ventura di Paola, che fino alla fine degli anni '90 lo ha utilizzato come raccordo per ricovero e manutenzione dei propri treni - cantiere. Non era infatti così raro, fino al 1999, veder arrivare alla stazione di Rende un qualche convoglio con sgargianti colori gialli da cantiere, nonostante la linea fosse ufficialmente chiusa dal 1987. 
In ogni caso, una certezza c'è: l'Associazione Ferrovie in Calabria ha metaforicamente piantato una bandierina anche su questa ferrovia. Siamo certi che l'impegno darà buoni risultati anche in questo caso, come per la Ferrovia Silana, e piano piano porteremo ad una nuova vita anche la storica Paola - Cosenza, ingiustamente dimenticata, ma che ancora oggi, seppur con modalità adeguate ai tempi, ha ancora tanto da dare all'economia del territorio attraversato.

P1130751

P1130752

IMG 9212

P1130820

IMG 9195

P1130849

stazione san fili

P1130866

P1130875

ATTENZIONE!! EVENTO RIMANDATO A DOMENICA 9 APRILE 2017!!

Dopo tante iniziative svolte dall'Associazione Ferrovie in Calabria in questi ultimi anni, relativi al Mese delle Ferrovie Non Dimenticate di Co.Mo.do, e dedicati a varie linee ferroviarie calabresi sia in esercizio che sospese/dismesse (dalla Ferrovia Silana alle Ferrovie Taurensi, passando per la Jonica e la Ferrovia del Pollino), una"big" della nostra regione ancora ci mancava. Parliamo della mai dimenticata ferrovia Paola - Cosenza: chiaramente non quella odierna, dove i treni Regionali dal 1987 corrono a 140 km/h in trazione elettrica a 3000 V cc, raggiungendo i due capilinea in poco più di 20 minuti. Ci riferiamo infatti al vecchio percorso ben più tortuoso ma sicuramente molto più panoramico e capillare (oltre che tecnicamente interessante), che servendosi di vari tratti armati con cremagliera, collegava l'importante 6666667capuluogo di provincia calabrese con la costa tirrenica, passando per le stazioni di Rende, San Fili, Falconara Albanese e San Lucido (da non confondere con l'attuale stazione di San Lucido Marina lungo la linea Tirrenica). Nel Mese delle Ferrovie Non Dimenticate 2017, una iniziativa abbiamo deciso quindi di dedicarla a questa linea: domenica 2 aprile, alle ore 10.00, ci ritroveremo quindi alla stazione di San Lucido Marina e da lì intraprenderemo le visite a tutte e quattro le stazioni ferroviarie della linea, partendo da San Lucido e Falconara Albanese (nei pressi di quest'ultima stazione visiteremo anche il bellissimo viadotto S.Giovanni), fermandoci per il pranzo (previsto a sacco), e proseguendo poi con la visita alle stazioni di S.Fili, dove percorreremo anche un breve tratto di linea che ci porta alla vicina galleria, con binario armato con cremagliera, concludendo la giornata con la visita alla stazione di Rende attorno alle ore 17.30.

L'iniziativa si svolgerà con la partecipazione e la collaborazione delle seguenti associazioni di Paola e San Lucido: Le Forre del Tirreno, VisitiAmo San Lucido, San Lucido Cerasuolo, Escursionisti Appennino Paolano, ASD Attivamente. 

Vi attendiamo numerosi per trascorrere assieme questa giornata, dedicata ad una Ferrovia Non Dimenticata d.o.c: sarà un'occasione in più per tornare a parlare di essa, e delle prospettive (seppur molto remote, purtroppo) di recupero per fini turistici di almeno parte del tracciato.  

 

PROGRAMMA

ORE 10.00
Raduno presso Stazione FS di San Lucido Marina

SEGUE

Visita stazione di San Lucido
Visita stazione di Falconara Albanese ed escursione sul viadotto San Giovanni
PRANZO AL SACCO
Visita stazione di San Fili e breve escursione fino alla vicina galleria
Visita stazione di Rende

Conclusione giornata: ORE 17.30 circa

Per i trasferimenti da una località all'altra è necessario servirsi di autoveicoli. 
Consigliato abbigliamento da trekking, comodo ma adeguato a possibili percorsi impervi.

Dopo i grandi successi dei nostri primi due treni a vapore organizzati sulla Ferrovia Silana, il Treno della Sila - Itinerario della Neve dello scorso 19 febbraio ed il Treno della Sila - Itinerario dei Sapori e dei Colori del 5 marzo, per la nostra prossima iniziativa a tutto vapore non potevamo non iniziare a coinvolgere anche la cosiddetta "Capitale della Sila"...ovvero San Giovanni in Fiore!
Domenica 23 aprile, infatti, sarà la volta dell'iniziativa "Sulle orme di Gioacchino da Fiore con il Treno della Sila": per adesso non raggiungeremo via ferrovia la città di Gioacchino ( siamo certi che la prossima estate anche questo sogno si realizzerà!), ma effettueremo il viaggio a bordo dello storico convoglio d'epoca delle Ferrovie della Calabria trainato dalla vaporiera FCL.353,da Moccone a San Nicola Silvana Mansio, con locandina san giovanni ESATTA - Copiasosta degustazione di prodotti tipici di Silautentica a Camigliatello, accompagnati da musiche popolari suonate dal Duo Pianelli, a bordo del treno. Da San Nicola Silvana Mansio, attualmente capolinea del servizio ferroviario turistico silano, una volta ammirata la giratura della locomotiva a vapore, tramite autobus raggiungeremo San Giovanni in Fiore.
Dopo il pranzo tipicamente silano nei ristoranti convenzionati (vedi tutti i dati in basso) alle ore 15.00 accompagneremo i partecipanti nel centro storico di San Giovanni in Fiore, dove saranno accolti da balli e canti folkloristici. Seguirà visita guidata alle Botteghe artigianali, all'Abbazia Florense, e sarà anche possibile visitare il Museo Demologico.
Alle ore 17.30 è previsto il rientro in autobus alla stazione di Moccone. 

Ma approfondiamo meglio il programma e tutti i dettagli di questa iniziativa, patrocinata dall'attivissimo Comune di San Giovanni in Fiore con il quale è stata avviata una virtuosa collaborazione: 


- Ore 10.30: Raduno partecipanti presso la stazione FC di Moccone;
- Ore 11.00: Partenza Treno storico a vapore;
- Ore 11.10: Arrivo alla stazione di Camigliatello Silano e sosta per degustazioni enogastronomiche;
- Ore 11.40: Partenza Treno storico alla volta di San Nicola Silvana Mansio - MUSICA A BORDO;
- Ore 12.15: Arrivo previsto alla stazione di S. Nicola - Silvana Mansio; giratura locomotiva a vapore e manovre del convoglio in stazione;

A SEGUIRE: Transfert presso i ristoranti convenzionati (vedi EXTRA) per il pranzo.

- Ore 15.00: transfert presso il Centro Storico di San Giovanni in Fiore. Animazione musicale e folkloristica. Segue visita alle Botteghe Artigiane, all'Abbazia Florense, e sarà possibile visitare il Museo Demologico;
- Ore 17.30: rientro con autobus alla stazione di Moccone.


CONTRIBUTO DI PARTECIPAZIONE

€ 16,00 ADULTI
€ 8,00 ragazzi 5-12 anni
Gratis 0-4 anni (senza occupazione del posto a sedere)
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA!

 

SI RICORDA CHE:
- E' obbligatorio effettuare la prenotazione dei posti contattando gli organizzatori tramite telefono, mail o facebook indicati nei dettagli e nella locandina;
- Il contributo a persona include: viaggio in treno storico, visita guidata alle Botteghe artigiane ed all'Abbazia Florense, degustazioni di prodotti tipici in stazione a Camigliatello, animazioni musicali e folkloristiche, transfert in autobus;
- Il contributo a persona non include il pranzo e la visita al Museo Demologico (vedi EXTRA);
- Il treno verrà effettuato solo al raggiungimento di un numero minino di partecipanti;
- Il treno si effettuerà a prescindere dalle condizioni atmosferiche;
- Si consiglia di indossare abbigliamento comodo per le visite previste durante la giornata.

EXTRA:
L'associazione ha stipulato una convenzione con i ristoranti La Locomotiva e Casello65 per un pranzo completo a 15€ (antipasto, primo, secondo, dolce, 1/4 di vino). Menu bambini (primo, secondo e bibita) a 10 €.
Si specifica che il costo di ingresso al Museo Demologico è di 1,50 €.

MODALITA' DI CONFERMA PRENOTAZIONE:
E' necessario contattare l'organizzazione nelle seguenti modalità:
- telefono: 328.3466150 - 347.1054825 - 320.2764062
- email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
- facebook: www.facebook.com/ferrovieincalabria

VI ASPETTIAMO!!

FC-FCL 353-Treno Sila Ferrovieincalabria-Righio-2017-03-05-RobertoGalati 6
Dopo il grande successo del Treno della Sila - Itinerario della Neve dello scorso 19 febbraio, il primo treno a vapore di Ferrovie in Calabria organizzato sulla Ferrovia Silana successivamente alla firma della convenzione con le Ferrovie della Calabria, domenica 5 marzo abbiamo fatto il bis. Un bis che, in realtà, ha quasi raddoppiato il successo del primo treno, poichè quasi 30 persone sono addirittura salite in Sila, assieme ai partecipanti all'iniziativa, pur non avendo trovato posto sul treno (andato sold out dopo pochi giorni dal lancio), soltanto per ammirare la gloriosa vaporiera FCL 353, che anche stavolta ha trainato tutte e 4 le storiche vetture a terrazzini di FdC! 
In questa specifica iniziativa, che come ricordiamo è stata nuovamente patrocinata dall'attivissimo Comune di Spezzano della Sila e dal relativo Assessorato al Turismo, ci siamo dedicati ad un "Itinerario dei Sapori e dei Colori", associando anche questa volta al treno a vapore iniziative mirate a coinvolgere gli operatori turistici ed enogastronomici del territorio. Ancora una volta quindi i viaggiatori sono stati accolti da una ricca degustazione allestita dal consorzio Silautentica alla stazione di Camigliatello, accompagnati dai suonatori di musica popolare Nicola e Felice Pianelli, e chi ha preferito ha pranzato presso i ristoranti La Locomotiva di San Nicola Silvana Mansio e San Bernardo sito nella località omonima a pochi km dalla stazione di S.Nicola Silvana Mansio.

16938466 904987122938373 3822729826122619457 n

P1130571
Ma non dimentichiamo che il treno a vapore del 5 marzo è stato anche dedicato alla Giornata Nazionale delle Ferrovie Non Dimenticate, ed abbiamo colto l'occasione per ribadire l'importanza di riattivare per intero la Ferrosilana, iniziando dal ripristino della tratta San Nicola Silvana Mansio - San Giovanni in Fiore possibilmente entro l'estate 2017.
Per quanto riguarda invece i partecipanti al treno storico, notiamo con piacere un consolidamento della partecipazione di agenzie viaggi e tour operator, oltre ai singoli viaggiatori. Cogliamo l'occasione infatti per ringraziare, con la speranza di poter proseguire questa proficua collaborazione, le agenzie viaggi Persephone di Locri e Ferdinandea Travel di Badolato: entrambe hanno contribuito alla buona riuscita dell'iniziativa con una partecipazione di oltre 80 persone, organizzando due autobus dalle rispettive località.

Insomma, ancora una volta possiamo dire con orgoglio: "ecco come si fa turismo in Calabria". Ma, chiaramente, non ci fermiamo qui: in questi giorni è in corso di pianificazione con le Ferrovie della Calabria il nostro prossimo treno speciale con itinerario turistico (probabilmente nei dintori di San Giovanni in Fiore, come ci ha proposto il Vicesindaco del Comune di Gioacchino da Fiore), e speriamo di poter ottenere in tempi brevi anche un calendario di date più a lungo termine. Per chi volesse invece partecipare ai treni turistici organizzati direttamente da Ferrovie della Calabria, con programmazione già definita per il mese di marzo, consigliamo di visitare il sito www.trenodellasila.it 

Per visionare il reportage fotografico completo della giornata, consigliamo di dare un'occhiata alla pagina facebook ufficiale dell'Associazione Ferrovie in Calabria!

17103700 904989162938169 5102772734383476652 n

P1130591

Pagina 8 di 23

railbook

#ferrovieDelleMeraviglie
FC FCL 353 Rogliano 2014 08 03 RobertoGalati 3

SCOPRI GLI EVENTI SPECIALI ORGANIZZATI

CON IL TRENO DELLA SILA

NEL RICORDO DEL NOSTRO CARO AMICO MARCO GAGLIARDI...

P1100429

DAI UN CONTRIBUTO ALLA NOSTRA ASSOCIAZIONE
Sostienici

copertina