P1130104
Facciamo un salto indietro di quasi un mese, precisamente allo scorso 29 dicembre 2016. In questa data, come tanti lettori ricorderanno, abbiamo infatti presentato il bellissimo libro "Calabro Lucane - Piccole Ferrovie tra Puglia, Basilicata e Calabria" di Pietro Marra, presso la sede della Pro-Loco di Soverato...sita al primo piano della stazione RFI soveratese. Una serata bellissima, all'insegna della storia e della cultura, partecipata al punto, con oltre cinquanta persone, da aver ad un certo punto...terminato le sedie!
Ma in quella climaticamente gelida serata, assieme al Presidente della Pro-Loco di Soverato, il giornalista Rai Pietro Melia, l'Associazione Ferrovie in Calabria ha anche simbolicamente siglato uno storico accordo. Storico per la città del cavalluccio marino, e storico (senza esagerazione!) anche per la gloriosa ferrovia Reggio Calabria - Metaponto, la prima costruita in Calabria ed inaugurata nel 1875: all'interno dei locali della pro-loco in stazione, sorgerà il Museo della Ferrovia Jonica! 
Si tratterà di una raccolta di cimeli ferroviari tutti recuperati da noi di Associazione Ferrovie in Calabria negli ultimi anni, in occasione di dismissione di impianti e rotabili ferroviari lungo la fascia jonica, ovviamente con le dovute autorizzazioni. Il museo sarà composto sia da materiale cartaceo (moduli, biglietti, manuali, schede tecniche di rotabili ed impianti etc..) che oggettistico (tabelle di percorrenza, componenti di armamento ferroviario, impianti di sicurezza di stazione e di bordo treno di altri tempi e tanto, tanto altro). 
Ma non potevamo non comunicare quello che è, fino ad oggi, il nostro più importante "recupero storico", risalente a qualche giorno fa!
Parliamo di un carrello a due assi risalente al 1946, utilizzato per piccoli spostamenti di materiale lungo la linea ferroviaria, appartenuto all'ex tronco lavori di Soverato. Il rotabile si trovava abbandonato ormai da decenni nei pressi della radice degli scambi nord della stazione di Soverato, e grazie all'impegno dell'Impresa Francesco Ventura di Paola ed a Rete Ferroviaria Italiana nella persona dell'Ing. Filippo Catalano (Direttore Territoriale Produzione Reggio Calabria), è stato finalmente riportato alla luce. Spostato dalla sua sede di abbandono con un mezzo anfibio strada-rotaia dell'Impresa Ventura e depositato sull'ex tronchino dello scalo merci in occasione degli importanti lavori di sostituzione dei deviatoi, verrà nelle prossime settimane rimesso a nuovo e monumentato nella piazzetta antistante la stazione soveratese, su due spezzoni di rotaia datati 1885 (!), anch'essi recuperati durante i lavori. Il ripristino consisterà nella riverniciatura, piccoli lavori di carpenteria, ricostruzione del pianale con assi di legno e ripristino dei ceppi dei freni.
Un grande ringraziamento va anche agli amici Giuseppe Chiaravalloti (dipendente di RFI e vice-presidente della pro-loco di Soverato) e Maurizio Vespari (dipendente RFI) che si sono con passione attivati per il recupero dell'antico rotabile, che molto presto darà il benvenuto o l'arrivederci a chi arriverà/partirà in treno dalla stazione di Soverato...o, semplicemente, verrà a visitare il museo che verrà! Ecco come far rivivere e come ridare lustro in chiave moderna alle stazioni ferroviarie, luoghi di aggregazione per antonomasia e "biglietto da visita" della città o del paese che esse servono: speriamo che in tanti seguano il nostro esempio.
Seguirà cronostoria dei lavori di ristrutturazione e di creazione del museo: continuate a seguirci!

P1130255

P1130240
P1130258

L'Associazione Ferrovie in Calabria ha l'onore di invitarvi al primo treno storico a vapore organizzato dalla nostra Associazione sulla Ferrovia Silana!

Un altro traguardo raggiunto, grazie alla proficua collaborazione con le Ferrovie della Calabria, ratificata dalla convenzione recentemente stipulata tra l'Azienda di Trasporto Pubblico locandinaRegionale e la nostra associazione. 

Domenica 19 febbraio partirà pertanto il primo treno targato "Associazione Ferrovie in Calabria" sulla tratta Camigliatello Silano - San Nicola Silvana Mansio, stazione più alta d'Italia, a 1405 m sul livello del mare. L'evento è stato organizzato in collaborazione con l'Associazione Sicilia in Treno, nuova realtà siciliana nel campo dell'associazionismo "ferroviario", che organizzerà un bus dedicato da Palermo per partecipare all'iniziativa, che costituirà dunque occasione di un primo incontro tra le nostre associazioni. (Per maggiori info si rimanda al loro sito internet: http://www.siciliaintreno.org)

Da Camigliatello si partirà alla volta di San Nicola con il treno storico a bordo delle caratteristiche carrozze a terrazzini Carminati & Toselli degli anni '20, trainate dalla potente locomotiva a vapore FCL.353 (Classe 1926), effettuando soste lungo il percorso che permetteranno di effettuare fotografie e riprese lungo il tragitto, con degustazioni di prodotti tipici locali a cura della Rete di Imprese "Silautentica". Il viaggio sarà allietato dalla musica a bordo di Nicola e Felice Pianelli.

A San Nicola, dopo la caratteristica manovra di inversione della locomotiva sulla piattaforma girevole e le operazioni di rifornimento idrico e di inversione della marcia del treno, il gruppo dei partecipanti potrà pranzare presso i ristoranti convenzionati (su richiesta, previa prenotazione). Dopo pranzo saranno previste delle escursioni curate dalla Nordic Walkin Academy e dall'Associazione Sila, la cui collaborazione è stata gentilmente concessa, insieme all'accompagnamento musicale e alle degustazioni di Silautentica, tramite il patrocinio del Comune di Spezzano della Sila, grazie al quale sono state avviate le prime collaborazioni con le associazioni e gli operatori turistici del territorio.
La giornata si conclude con il rientro in treno a vapore da San Nicola a Camigliatello a fine escursione. Possibilità di transfert da Cosenza a Camigliatello con autobus delle Ferrovie della Calabria (vedi dettagli tra qualche rigo).

Nello specifico, il programma sarà il seguente:

- Ore 10.30: ritrovo viaggiatori e check in presso stazione ferroviaria FC di Camigliatello Silano;
- Ore 11.00: partenza treno a vapore da Camigliatello per S. Nicola - Silvana Mansio;
- Ore 12.00: arrivo a previsto alla stazione di S. Nicola - Silvana Mansio, dopo aver effettuato soste lungo la linea con degustazione di prodotti tipici; manovre del convoglio in stazione;
- Ore 12.30: trasferimento in autobus dei gruppi presso ristorante convenzionato per pranzo (su richiesta, previa prenotazione);
- Ore 14.30: avvio attitivà ludico-ricreative sulla neve (Escursione/trekking/passeggiata);
- Ore 16.30: ripartenza dalla stazione di S. Nicola - Silvana Mansio verso Camigliatello Silano in treno a vapore;
- Ore 17.00: arrivo previsto a Camigliatello.

CONTRIBUTO DI PARTECIPAZIONE*

€ 15,00 ADULTI
€ 8,00 5-12 anni
Gratis 0-4 anni (senza occupazione del posto a sedere)
*Partecipando a questo evento diventi anche tu sostenitore delle attività associative, aiutando l'Associazione Ferrovie in Calabria a raggiungere gli obiettivi sociali. 

Possibilità transfert da Cosenza a Camigliatello Silano (e viceversa) con autobus dedicato delle Ferrovie della Calabria al costo di 4,60€ (richiesta prenotazione. Andata: partenza ore 9.20 p.za Matteotti - Stazione FC Cosenza Centro; 9.55 dalla stazione ferroviaria di Cosenza Vaglio Lise, in coincidenza con treno da Paola; ritorno: partenza da Camigliatello Silano ore 17.15, arrivo a Cosenza ore 18.15).

Possibilità di raggiungere Cosenza Vaglio Lise in treno da Paola e dal Tirreno (con prosecuzione in bus dedicato da Cosenza stazione FS a Camigliatello Silano e ritorno):
- per chi proviene da Reggio Calabria e località a sud di Paola, con treno regionale 3680/3683 proveniente da Melito Porto Salvo e in arrivo a Cosenza alle ore 9.49 SENZA CAMBIO A PAOLA.
- per chi proviene dall'Alto Tirreno Cosentino, con treno regionale 3449 proveniente da Salerno + Regionale 3683 da Paola a Cosenza;

Per il rientro serale, partenza da Cosenza alle ore 19.00 con treno regionale 2436.
Per raggiungere località a sud di Paola sarà possibile usufruire, da Paola, del treno Intercity 555 diretto a Reggio Calabria con fermate ad Amantea, Lamezia Terme Centrale, Vibo-Pizzo, Rosarno, Gioia Tauro, Villa S.G. e Reggio Calabria.
Per raggiungere località a nord di Paola (Alto Tirreno Cosentino) sarà possibile usufruire dello stesso treno regionale da Cosenza SENZA CAMBIO A PAOLA e diretto a Napoli Centrale con fermate in quasi tutte le stazioni.

Comunicare in anticipo se si intende arrivare in treno, in modo da garantire l'attesa dei viaggiatori da parte del bus per Camigliatello Silano (entro 15 minuti di ritardo del treno, non si garantisce l'attesa per ritardi superiori).

SI RICORDA CHE:
- E' obbligatorio effettuare la prenotazione dei posti contattando gli organizzatori tramite telefono, mail o facebook indicati nei dettagli e nella locandina;
- Il contributo a persona include: viaggio in treno storico, escursione sulla neve, degustazioni di prodotti tipici a bordo e in stazione;
- Il contributo a persona non include il pranzo, il trasferimento in bus da Cosenza a Camigliatello (vedi "EXTRA");
- Il treno verrà effettuato solo al raggiungimento di un numero minino di partecipanti;
- Il treno si effettuerà a prescindere dalle condizioni atmosferiche;
- Si consiglia di indossare abbigliamento comodo per le escursioni previste durante la giornata e, in generale, sufficientemente caldo ed adatto alla neve ed alle basse temperature (doposcì, scarpe impermeabili, etc...).

EXTRA:
L'associazione ha stipulato una convenzione con l'Hotel - Ristorante San Bernardo per pranzo completo a 16€ (antipasto, primo, secondo, contorno, dolce e bibite: dettagli a breve; PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA); per chi non prenoterà il pranzo sarà disponibile servizio bar/paninoteca presso "La Locomotiva", nella stazione di San Nicola - Silvana Mansio.

L'associazione ha previsto l'effettuazione di un bus da Cosenza a Camigliatello e ritorno dedicato ai partecipanti al treno, effettuato dalle Ferrovie della Calabria (costo biglietto €4,60).

MODALITA' DI CONFERMA PRENOTAZIONE:

E' necessario contattare l'organizzazione nelle seguenti modalità:

- telefono: 328.3466150 - 347.1054825 - 320.2764062 
- email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
- facebook: www.facebook.com/ferrovieincalabria

VI ASPETTIAMO!!

ATR 220 026-Soverato-2016-04-13-RobertoGalati 3 - Copia

Un anno (e qualche giorno) fa, in Calabria ed in particolare sulla tratta Jonica, iniziava un cambiamento che si attendeva da trent'anni: siamo ancora all'inizio, sicuramente, ma in ogni caso la svolta c'è stata. Dopo un anno, tra Reggio Calabria, Catanzaro Lido, Crotone e Sibari, i due convogli ATR220 Swing hanno finalmente portato aria di novità lungo quella che ci piace chiamare "La Ferrovia della Magna Grecia". 
Vogliamo quindi augurare con questo scatto dedicato proprio ai convogli Swing, Buone Feste a tutti coloro che seguono e supportano l'Associazione Ferrovie in Calabria, con la certezza che il 2017 porterà ulteriori risultati positivi per il trasporto ferroviario della nostra regione! 

                                                                   Auguri!

 

IMG-20161228-WA0026

2016: un anno che per la Calabria, ferroviariamente parlando, ha rappresentato una svolta a dir poco epocale, non poteva non concludersi con un altro importantissimo passo per il rilancio e la valorizzazione del patrimonio su rotaia della nostra regione...oltre che di crescita e consolidamento dell'Associazione Ferrovie in Calabria!
Ieri mattina, infatti, presso la Direzione Generale delle Ferrovie della Calabria a Catanzaro, abbiamo con non poca emozione firmato una convenzione con l'azienda regionale di Trasporto Pubblico Locale e turistico, che affonda le radici nelle storiche Ferrovie Calabro Lucane. 
Da ieri, quindi, l'Associazione Ferrovie in Calabria collabora ufficialmente ed a titolo di totale volontariato, con le Ferrovie della Calabria nelle attività elencate tra qualche rigo, che in queste settimane verranno pianificate ed organizzate di comune accordo con la dirigenza dell'azienda, spaziando dall'organizzazione dei treni turistici (sia a vapore che non), all'organizzazione di eventi che incentivino l'utilizzo dei mezzi pubblici, fino al coinvolgimento dell'utenza pendolare per la costruzione di proposte migliorative dell'orario ferroviario e dei servizi:

- Organizzare iniziative su tutto il territorio calabrese, al fine di promuovere presso l'opinione pubblica ed a livello istituzionale, lo sviluppo della rete ferroviaria regionale e l'utilizzo del treno e del tram, quali mezzi primari per il trasporto pubblico regionale;

- Coinvolgere l'utenza di FdC , attraverso l'organizzazione di iniziative tese all'ascolto ed alla raccolta delle istanze dei pendolari , al fine di rappresentare le esigenze degli stessi presso le istituzioni competenti e meglio adattare i servizi di trasporto pubblico locale resi dall'Azienda;

- Coinvolgere l'Associazione, quale uditore preferenziale dell'utenza pendolare e accreditata ai tavoli tecnici Regionali appositamente istituiti, nel periodico processo di stesura dell'Orario dei Servizi TPL gestiti dall'Azienda;

- Sviluppare attività congiunte tese alla valorizzazione delle ormai storiche infrastrutture ferroviarie, dalla riconosciuta unicità tecnica ed architettonica;

- Promuovere il servizio turistico effettuato con Treni Speciali ed in particolare con il "Treno della Sila" , attraverso organizzazione di eventi volti a turisti ed appassionati, agli operatori del settore turistico nazionale ed internazionale, nonché a scuole, gruppi e comitive di interessati;

- Concorrere allo sviluppo turistico ed economico dei territori attraversati dalle linee a scartamento ridotto gestite da FdC.

Perciò, finalmente anche in Calabria, partendo proprio dall'azienda di proprietà regionale, si avvia la prima collaborazione ufficiale tra associazioni di appassionati e le società di trasporto, già da anni consolidate nel resto del territorio nazionale (con particolare riferimento al Centro-Nord Italia) e soprattutto nel Nord Europa, che tanto sviluppo e valorizzazione del vettore "treno" hanno portato in questi anni.
Ovviamente, continuate a seguirci per conoscere nel dettaglio, a partire dalle prime settimane del 2017, le iniziative che svolgeremo assieme alle Ferrovie della Calabria, che ovviamente ringraziamo nella totalità della Dirigenza e del Personale, per la stima e la fiducia nutrita nei nostri confronti.

IMG-20161228-WA0028

 

P1070905

P1120915

Si è svolta ieri mattina, presso il piazzale antistante la stazione RFI di Crotone, la commemorazione delle 12 vittime del disastroso scontro tra due treni locali, avvenuto nel lontano 16 novembre 1989. Si trattava dei treni 12706 Catanzaro Lido - Taranto e 8437 Cariati - Catanzaro Lido. Quest'ultimo convoglio, composto da due automotrici ALn668, fu quello che partì indebitamente dalla stazione di Crotone, durante un momento di disconnessione dell'allora nuovissimo sistema di circolazione CTC (Controllo del Traffico Centralizzato) con Blocco Conta Assi, senza attendere il via libera del Capostazione che in quel particolare momento di transizione, in caso di criticità tornava alle sue funzioni tradizionali. A circa 3 km di distanza dalla stazione di Crotone, avvenne il terribile schianto con il treno marciante in senso opposto diretto a Taranto, partito regolarmente dalla stazione di Isola Capo Rizzuto e composto da un locomotore D445, tre carrozze tipo 1959 ed alcuni carri postali: la forza d'urto letteralmente dilaniò la prima delle leggere automotrici, e fu su questo rotabile che si contarono le 12 vittime, tra le quali macchinista e capotreno. Sul treno diretto a Taranto, l'unica vittima fu uno dei due macchinisti: il secondo si salvò saltando dal treno in corsa pochi istanti prima dello schianto. 
Le altre nove vittime erano tutte donne, per la maggior parte insegnanti che quotidianamente raggiungevano Crotone anche da Badolato e Guardavalle, ed alle 13.20 rientravano da Crotone verso Catanzaro ed oltre. 
Una vicenda tristissima che è dovere di tutti noi non dimenticare, e che deve dare ancora più forza nel perseguire le battaglie per il rilancio del trasporto ferroviario lungo la linea Jonica...che se a livello di sicurezza rispetto al 1989 ha fatto indubbiamente un enorme balzo in avanti, per quanto riguarda i servizi, purtroppo, i passi indietro sono stati almeno dieci.
Quest'anno, alla commemorazione da sempre promossa dalla sezione crotonese di Italia Nostra guidata da Teresa Liguori, alla presenza di alcuni parenti dei viaggiatori scomparsi nell'incidente, è stata anche scoperta una targa dedicata alle vittime, generosamente donata da Italia Nostra, Gruppo Archeologico Krotoniate e FILT-CGIL di Crotone, ed affissa sulla parete esterna della stazione di Crotone, che si affaccia su quella che lo scorso anno è stata denominata Piazza 16 novembre. Noi di Associazione Ferrovie in Calabria come ogni anno, non potevamo mancare nel portare la nostra vicinanza ai parenti delle vittime, ed a rinnovare la nostra proficua collaborazione con Italia Nostra e tutte le associazioni propositive del territorio, per far ripartire il sistema di mobilità su ferro lungo la fascia Jonica. La costanza, unita anche alla protesta quando necessario ed un po' di fiducia nelle istituzioni, non potrà far altro che portare dei risultati, come del resto risultati positivi sono quelli ottenuti in questi ultimi mesi con l'istituzione di treni diretti tra Crotone e Lamezia Terme Centrale...e tanti altri piccoli ma importanti obiettivi che da tempo perseguiamo e che dal cambio d'orario di dicembre diventeranno finalmente realtà! Chiaramente, l'orario di dicembre non rappresenterà di certo la risoluzione di tutti i problemi esistenti, anzi: a Crotone, per esempio, continua a rimanere inaccettabile ed oltre i limiti dell'assurdo, la chiusura della biglietteria in stazione, servizio che è stato fortemente richiesto da Italia Nostra e, ovviamente, anche da noi di Associazione Ferrovie in Calabria che riporteremo all'attenzione delle istituzioni regionali tale gravissima problematica. Senza dimenticare il grave problema relativo ai treni a lunga percorrenza, la cui assenza, proprio nel crotonese, inizia a pesare sempre di più alla luce della (si spera temporanea) chiusura dell'aeroporto S.Anna.
Tornando alla manifestazione di ieri, abbiamo felicemente constatato l'ampia partecipazione dei giovani, molti dei quali in rappresentanza dell'Istituto Pertini di Crotone: per la prima volta, inoltre, è stata presente anche una rappresentanza di tre studenti del Liceo Scientifico Statale di Soverato. Si tratta di Mattia Rudi, Giuseppe Leuzzi e Felice Vetrano, tra l'altro molto interessati alle vicende legate al trasporto ferroviario in genere, ed ovviamente per la mobilità studentesca. Prossimi associati di Ferrovie in Calabria ed Italia Nostra!
Prima di concludere questo breve comunicato, vogliamo ringraziare per l'adesione anche il Comune di Crotone, rappresentato dall'Assessore al Verde Pubblico, la Direzione Territoriale Produzione RFI di Reggio Calabria che ha inviato la dott.ssa Codispoti in rappresentanza del Direttore Filippo Catalano, e tutti i cittadini e le associazioni che hanno aderito rendendo, pur in una ricorrenza di un evento sicuramente non positivo, di nuovo viva quella stazione di Crotone (espoliata anche del suo secondo binario...) che speriamo possa prima o poi ritornare ai fasti di un tempo nel traffico viaggiatori e merci.

IMG-20161116-WA0004

P1120910

P1120904

P1120923

889876

 

Pagina 9 di 22

railbook

#ferrovieDelleMeraviglie
FC FCL 353 Rogliano 2014 08 03 RobertoGalati 3

SCOPRI GLI EVENTI SPECIALI ORGANIZZATI

CON IL TRENO DELLA SILA

NEL RICORDO DEL NOSTRO CARO AMICO MARCO GAGLIARDI...

P1100429

DAI UN CONTRIBUTO ALLA NOSTRA ASSOCIAZIONE
Sostienici

copertina