Hub gomma/ferro nell'ex zuccherificio di Lamezia Terme: la CISSEL scrive all'Associazione Ferrovie in Calabria

Questa mattina abbiamo avuto il piacere e l'onore di ricevere di una lettera aperta inviataci dall'Avvocato Raffaele Mirigliani, facente parte della compagine societaria della CISSEL ( Compagnia industrie saccarifica Sant'Eufemia Lamezia), e pubblicata da numerose testate giornalistiche del lametino e catanzarese. Il tema della missiva è il rilancio, da parte della stessa CISSEL, di una proposta ormai ben nota e per la quale anche noi di Associazione Ferrovie in Calabria ci siamo fatti più volte portavoce: l'utilizzo di parte dell'area dismessa dell'ex zuccherificio, in hub di interscambio gomma/ferro, a servizio dell'adiacente stazione di Lamezia Terme Centrale e del vicino Aeroporto Internazionale di Lamezia Terme. Nell'area che abbiamo inquadrato (ripubblichiamo in basso un nostro render molto artigianale di qualche anno fa), che come tra l'altro sottolineato dall'Avv. Mirigliani, non andrebbe ad intaccare le strutture dello zuccherificio vincolate dalla Soprintendenza, oltre ad una comoda autostazione posta in connessione con il marciapiede del binario 1, che permetterebbe di trasferire i servizi autobus dal piazzale esterno della stazione (costantemente congestionato), permetterebbe anche di far sorgere un vasto parcheggio per auto. Avevamo proposto che fosse una stessa società del gruppo FS Italiane a gestire autostazione e parcheggio, riferendoci alla "Metropark", che gestisce parcheggi ed autostazioni di importanti impianti ferroviari italiani. 

CLICCA QUI PER LEGGERE L'ARTICOLO SULLE AUTOSTAZIONI DI INTERSCAMBIO A LAMEZIA TERME

Quanto espresso dall'Avv. Mirigliani, che ringraziamo ancora per averci contattato ed auspichiamo di poter incontrare al più presto, non può che dare una spinta in più in questa nostra battaglia che, come abbiamo avuto modo di pubblicare qualche settimana fa in occasione di una visita con l'amico consigliere comunale lametino Giancarlo Nicotera, è dedicata anche all'ex Opificio di Lamezia Terme, posto alle spalle dello zuccherificio, di proprietà regionale ed in preda al degrado ed all'abusivismo assoluto.

Di seguito pubblichiamo il testo della missiva inviataci da Raffaele Mirigliani (CISSEL):

ALL'ASSOCIAZIONE FERROVIE IN CALABRIA

I vostri interventi per la valorizzazione della stazione centrale di Lamezia terme e della linea ferroviaria ionica mi inducono a qualche chiosa per stimolare ancora il Vs interessamento.

Quanto al primo punto, credo che non sia sfuggita la mia utile prospettazione anche in sede di avvio di progetti C.I.S. per l’allargamento della stazione, la creazione del parcheggio per navetta ed autobus e altri parcheggi, nonché quella per la realizzazione della adiacente piastra logistica.

Ciò per evidenziare la permanenza dell’interessamento della CISSEL, anche a fronte delle autolesionistiche contrarietà locali.

Ribadisco che la realizzazione di tali importanti opere logistiche non interferisce sul vincolo imposto dalla Sovrintendenza solo sul capannone dell’ex opificio, dopo l’approvazione del piano e per dare sfogo alle pressioni locali, pur trattandosi di edificio non certo storico ma realizzato con criteri di assoluta ordinarietà, sia pure nel rispetto degli stilemi del littorio all’epoca vigenti.

Dopo l’estenuante contenzioso giudiziario, la società ha dovuto prendere atto della prevalenza del giudizio insindacabile della Soprintendenza, ed è stata costretta a mantenere la fatiscente struttura anche in condizioni di pericolosità e di non agibilità per qualsiasi fruizione che non fosse quella di residuato di cosiddetta archeologia industriale littoriana.

Però la proprietà ha affrontato ed affronta i pesanti oneri di mantenimento e di bonifica, nella prospettiva già intrapresa che, come avvenuto per altri impianti dismessi, si possa addivenire al restauro, sia pure con le imponenti ed onerose opere anche per il sostegno strutturale in rispetto delle disposizioni asismiche ai fini di una confacente riutilizzazione.

Non si può immaginare diversa soluzione che non sia la rovina definitiva con il passare del tempo e l’opera delle intemperie.

Si confida in ausilio per i predetti oneri in definitiva discendenti dal vincolo e non certo ci si augurano nuove contrarietà.

Quanto al punto dei collegamenti ferroviari, al di là dei profili strettamente tecnici, non vi è dubbio che, per l’importanza strategica relativa (mi permetto di accludervi copia di un mio intervento appassionato del 2008 quando si profilava la eliminazione della ferrovia ionica, come “ramo secco”), occorre maggiore interesse pubblico e soprattutto della Italferr.

Apprezzabili i vostri solleciti per le corse.

Ma ancora una volta debbo ricordare, non certo per autoreferenzialità, i miei interventi acché il completamento della tratta Catanzaro Lido-S.Eufemia dopo Settingiano, avvenga con percorso funzionale per l’aeroporto, ma con tracciato metropolitano che rappresenti collegamento dei centri dell’istmo e non con una direttissima, sia pure per guadagnare qualche minuto di tempo di percorrenza a discapito di quanto ciò e a superamento anche di qualche balzana idea di radicale rivoluzione dell’assetto ferroviario in Sant’Eufemia.

Scopo della presente è anche quello di richiamare l’importanza della progettata “piastra logistica” per il profilo ferroviario, con l’augurio che si possa anche da parte vostra sollecitare la cooperazione della Italferr ai fini di costituire l’hub nell’evidente genialità strategica del baricentrico territorio.

Raffaele Mirigliani

 

(2 votes)

Roberto Galati

railbook

#ferrovieDelleMeraviglie
FC FCL 353 Rogliano 2014 08 03 RobertoGalati 3

SCOPRI GLI EVENTI SPECIALI ORGANIZZATI

CON IL TRENO DELLA SILA

NEL RICORDO DEL NOSTRO CARO AMICO MARCO GAGLIARDI...

P1100429

DAI UN CONTRIBUTO ALLA NOSTRA ASSOCIAZIONE
Sostienici

copertina