D445 1147-IC559-Monasterace-2014-08-23-RobertoGalati 3

Al peggio, alla mancanza di rispetto nei confronti dei beni pubblici e dei loro rappresentanti, alla violenza, purtroppo sembra non esserci mai fine. Esattamente cinque giorni fa, infatti, si è consumato alla stazione di Monasterace - Stilo l'ennesimo atto violento nei confronti del Capotreno del Regionale 3662 Reggio Calabria Centrale (5.02) - Catanzaro Lido (7.24). Un immigrato sprovvisto di biglietto, e decisamente poco intenzionato ad acquistarlo a bordo, all'atto della richiesta del titolo di viaggio da parte del personale ferroviario, ha sputato ed inveito contro il Capotreno arrivando vicino all'attacco fisico. Purtroppo sono sempre più frequenti gli atti di questo genere, spesso di estrema gravità: all'incolumità dei ferrovieri costantemente a rischio durante il turno di lavoro, si aggiungono anche i disagi ai pendolari, ogni qualvolta accadono questi episodi incresciosi, originati peraltro anche da italianissimi viaggiatori "portoghesi" ed in più anche violenti, spesso di giovanissima età, e non solo da immigrati come spesso si è portati a credere, con tutte le relative strumentalizzazioni.
Noi di Associazione Ferrovie in Calabria vogliamo esprimere tutta la nostra totale vicinanza e soliderietà a tutti i ferrovieri, calabresi e non, che ogni giorno svolgono il loro lavoro con attenzione, rispetto e disponibilità nei confronti dell'utenza, mantenendo la calma e la professionalità, anche con coloro che meriterebbero tutt'altro trattamento. Richiediamo altresì che venga incrementato (e con urgenza) il servizio a bordo dei convogli da parte della Polfer, delle squadre anti-evasione, oltre ad un aumento del personale nelle fila della Protezione Aziendale del Gruppo Ferrovie dello Stato. E, ai nostri amici viaggiatori e pendolari, chiediamo di non rimanere indifferenti quando accadono simili situazioni incresciose: queste persone irrispettose dei beni pubblici devono essere allontanate, e devono capire di non essere gradite da nessuno a bordo dei treni, mezzi di trasporto collettivi che appartengono sì alle società ferroviarie, ma prima di tutto ai cittadini italiani e non, quelli onesti e che mensilmente pagano abbonamenti e biglietti per raggiungere i propri luoghi di studio e lavoro.

passaggio livello 668

tratto da cassanoalloionio.asmenet.it


Con Ordinanza Dirigenziale n. 62 del 13 aprile 2018 il Comandante della Polizia Locale di Cassano All'Ionio, Giuseppe Santagada, ha disposto la chiusura al traffico della SP 253 nel tratto Viale Magna Grecia di Sibari vicino al passaggio a livello, con decorrenza dalle ore 07:00 del giorno 16.04.2018. L'interruzione durerà fino al 30 aprile 2018

Dal 16 aprile, dunque sarà interrotta la circolazione veicolare della ex SS106, ora SP 253 nel tratto urbano di Viale Magna Grecia nel centro di Sibari, proprio nella zona in cui la strada interseca il tracciato della linea ferroviaria Sibari - Cosenza.

Si legge nell'Ordinanza del Comandante Santagada che l'interruzione è dovuta ai lavori di manutenzione straordinaria del passaggio a livello km 0+564 e rinnovo binario. La richiesta di chiusura al traffico è stata chiesta proprio dalla ditta "Francesco Ventura Costruzioni Ferroviarie s.r.l.", esecutrice dei lavori. L'interruzione durerà fino al 30 aprile 2018. Ovviamente se i lavori dovessero subire variazioni temporali, sarà cura della ditta avvisare tempestivamente il Comando di Polizia Locale.

Ovviamente, il Comandante Santagada d'intesa con la Commissione Straordinaria, al fine di salvaguardare la pubblica incolumità, nella stessa ordinanza hanno diposto anche opportuni provvedimenti atti a garantire che l'accesso e il deflusso dei veicoli e dei pedoni avvengano in totale sicurezza. Perciò sarà predisposta idonea segnaletica e sono stati studiati gli opportuni percorsi alternativi annotati nell'ordinanza di seguito allegata.

L'Ordinanza n. 62/2018 è stata pubblicata sull'Albo Pretorio online del Comune e notificata a tutti gli organi preposti, incluso Prefettura, Provincia e Questura di Cosenza.

In questi ultimi giorni, due particolari eventi ci hanno dato un forte input alla trattazione di un argomento troppo spesso sottovalutato: il trasporto merci su rotaia...ovviamente in Calabria. 
Iniziamo dal comunicare ai nostri lettori quali sono stati i due eventi che hanno "scatenato" questo articolo (che divideremo in più parti vista la vastità dell'argomento): il primo è la storica istituzione di un nuovo servizio merci per trasporto di collettame sulle linee ad Alta Velocità/Alta Capacità italiane, tramite un ETR500 appositamente allestito (le vetture modificate permetteranno l'alloggiamento di piccoli container che potranno velocemente essere trasbordati da treno a camion e viceversa). L'ambizioso progetto di Mercitalia, per il quale è stata appositamente creata una divisione denominata Mercitalia Fast,  è stato presentato nella giornata di ieri. Il servizio, che partirà da ottobre, inizialmente colleghera il terminal merci di Marcianise con lo scalo di Bologna Interporto: speriamo in un grande successo per questo storico intervento di "cura del ferro", che ovviamente possa un domani interessare anche la Calabria (nella quale oggi, a parte lo scalo di San Ferdinando con traffici limitati, non ci sono scali merci ferroviari attivi!). 
Il secondo evento stimolante è stata la vera e propria raffica di storiche fotografie relative a servizi merci ferroviari calabresi di relativamente pochi anni fa, pubblicate sul nostro gruppo facebook dai mitici fotografi e giornalisti ferroviari Francesco Maria e Marco Cantini, che ringraziamo nuovamente per aver voluto condividere con noi i loro scatti. Scatti eseguiti molto spesso, tra l'altro, in non semplici condizioni climatiche e con tanta, tanta pazienza per attendere il passaggio di treni merci che ai tempi (anni 2007-2008) iniziavano ad essere già molto rari. 

E proprio dalle loro fotografie vogliamo idealmente ricostruire quello che era il servizio merci su ferro in Calabria di circa 10 anni fa: ormai irrimediabilmente in declino, ma comunque ancora variegato e funzionale. 
Negli anni 2007 - 2008, gli scali merci ancora attivi in tutto o in parte erano i seguenti: Lamezia Terme Centrale, San Ferdinando, Reggio Calabria Mare, Cosenza, Crotone. Sibari era stato da pochissimo dismesso definitivamente. 

Tralasciando (per modo di dire!) lo scalo di Lamezia Terme Centrale, all'epoca ancora in piena attività al punto che nessuno avrebbe mai immaginato una sua chiusura (visti i volumi di traffico che possedeva), nel caso degli scali di Crotone e Reggio Calabria Mare, esistevano ancora servizi attestati in questi impianti. A Crotone, dove peraltro fino al 2006 originavano anche tre coppie di treni merci al giorno (ovviamente nei periodi di raccolta), in doppia trazione simmetrica, carichi di barbabietole da zucchero destinate allo zuccherificio di Foggia Incoronata, nel biennio 2007/2008 era ancora possibile assistere all'arrivo di treni merci ormai considerati come servizi straordinario su richiesta. Tali treni erano tracciati con due diversi percorsi, uno da/per Lamezia Terme Centrale via Catanzaro Lido, e l'altro da Lamezia Terme Centrale via Cosenza (con aggancio/sgancio carri anche in quest'ultimo impianto) - Sibari. Come esprimono pienamente queste bellissime fotografie dei mesi di giugno e luglio 2007, scattate alla stazione di San Leonardo di Cutro e nei pressi di essa, le composizioni erano spesso ridotte ad un solo carro trainato da un locomotore D345:

29684224 10216143959334883 7011718467896213504 o

Nel caso della composizione in basso, come descrittoci dall'autore della fotografia, il servizio quel giorno fu svolto in tal modo: 
"Il merci partiva da Lamezia al mattino, effettuava manovra a CZ Lido e poi a Crotone, per poi tornare indietro.
Quel giorno il traffico era il seguente:
Lamezia-CZ; 2 carri di materiale RFI + Lamezia-KR: 1 carro chiuso carico.
KR-CZ-Lamezia: 5 carri vuoti (2 chiusi, 1 sponde basse, 3 sponde alte legname) vuoti in restituzione."

29664716 10216119668607630 8644512419695361953 o

E sempre nel 2007, questa era una panoramica dello scalo merci di Crotone, ancora attivo (si notano anche le attrezzature per il carico delle barbabietole), seppur già popolato da decine di carri accantonati in attesa di demolizione. Oggi, nel 2018, dopo quasi dieci anni dalla dismissione, sono stati demoliti i carri accantonati ed in più...quel che rimaneva dello scalo non  è neanche più connesso alla rete ferroviaria, in seguito alla devastante operazione di "right sizing" eseguita da RFI alla stazione della città di Pitagora:

29872498 10216136812836225 6217700379522282714 o

Reggio Calabria Mare, altra tristissima parentesi in quanto trattasi di un impianto non più esistente, aveva in più la particolarità di essere una stazione di testa (il breve percorso si raccordava alla Ferrovia Tirrenica Meridionale nella fermata di Reggio Calabria Lido) negli ultimi anni di esercizio (ci riferiamo sempre al biennio 2007/2008) servita solo da traffico merci. 
Traffico merci tra l'altro molto consistente, trattandosi di interi treni completi anche oltre i 10 carri, carichi di prodotti alimentari che venivano scaricati all'interno di un grande magazzino merci raccordato, e successivamente smistati in tutta la provincia reggina tramite autotrasporto. In particolar modo, arrivava in treno dallo scalo di Lecco Maggianico la ben nota acqua Levissima, ma ci fu anche la sperimentazione relativa al carico e partenza verso il resto d'Italia della calabrese acqua Mangiatorella:
29744550 10216127573165239 5880863441039045532 o

Cosenza era invece un positivo caso di scalo più che virtuoso, quasi al pari di Lamezia Terme Centrale, fin gli ultimi anni di esercizio, che stimiamo compresi tra il 2010 ed i primi mesi del 2011. Lo scalo merci di Cosenza Vaglio Lise, che di fatto era una sorta di scalo intermodale, venne costruito nel 1987 in occasione dell'attivazione della nuova stazione FS e soprattutto della nuova linea Paola - Cosenza, che permise un grandissimo incremento del traffico ferroviario viaggiatori e merci. In questo caso, oltre ai "classici" servizi merci specializzati sulle derrate alimentari, Cosenza riceveva anche numerosi treni merci completi di legname già lavorato, specie quello lamellare. 
Nel dettaglio, come ci racconta l'amico Marco Cantini relativamente alla fotografia in basso, nel 2005 la situazione era la seguente:

- i carri chiusi erano ACQUA Lete proveniente da Roccaravindola (ma in passato e successivamente si videro anche alcune acque del nord tipo Levissima, San Benedetto ecc).
- Sempre i chiusi portavano elettrodomestici Zanussi e Carta delle varie cartiere di Lucca e dintorni
- Tantissimo legname sia in tronchi sia segato tutto proveniente dall'Austria ben visibile sulla sinistra
- spesso da Cosenza partivano treni completi militari

29791321 596415194042582 2527923692534261788 n

Nel 2008, la situazione era ancora la seguente, con grande attività (specie per quanto riguarda l'interscambio gomma-ferro) ancora chiaramente visibile:
30126892 10216144029576639 2529753277990436864 o

Lamezia Terme Centrale e San Ferdinando, a servizio del Porto di Gioia Tauro, alla fine del primo decennio del 2000, rappresentavano ancora un punto di riferimento a livello regionale per il trasporto merci. Entrambi gli scali infatti generavano anche traffico intermodale, con carico/scarico di casse mobili e container, ed erano origine/destinazione anche di treni completi dal Nord Italia e dall'Estero. Lamezia Terme Centrale ha ricevuto anche importanti strutture prefabbricate in cemento armato precompresso destinate ai lavori di rinnovo dell'autostrada A3 Salerno - Reggio Calabria, oltre ad altri macchinari di grandi dimensioni destinati al vicino polo industriale lametino, ma anche al vicino territorio catanzarese, rimasto già nel 2002 orfano dello scalo merci di Catanzaro Lido. 

Anche se, nel 2004, a scalo merci già ufficialmente chiuso, Catanzaro Lido ricevette in via del tutto eccezionale un carro chiuso carico di piccoli trattori cingolati usati, che ai tempi per pura fortuna riuscimmo a fotografare proprio nel momento di trasbordo dal carro merci ad un camion! 
29598260 10216414441579536 8741160574965060795 n

29694501 10216414442019547 822662129068420852 n

Tornando su Lamezia Terme Centrale, ricordiamo anche i numerosi carri che quasi quotidianamente raggiungevano questo scalo carichi di prodotti alimentari del gruppo La Rinascente, destinati ai supermercati Upim ed affiliati:
Carro Hbbilns

Omnialogistica

Continua...

var sib-cs

tratto da www.italferr.it

Il 9 Aprile 2018 è stata attivata all'esercizio la variante 1 di Acri-Bisignano prevista nell'ambito dei lavori di potenziamento della linea Metaponto-Sibari-Bivio S.Antonello. L'intervento insieme alle restanti 3 varianti previste in appalto permetterà di incrementare fino a 150 km/h la velocità della linea.

L'intervento si colloca nel più ampio progetto di velocizzazione dell'itinerario merci di collegamento fra la tratta meridionale della direttrice tirrenica e la direttrice adriatica, connettendo il porto di Gioia Tauro con i porti di Taranto, Bari e Brindisi.

Dal punto di vista tecnico-realizzativo l'intervento ha riguardato la realizzazione della nuova sede ferroviaria attrezzata con un sistema di Trazione Elettrica a 330 V e Sistema di gestione della circolazione BCA con Sistema di Controllo Marcia (SCMT).

E464 218-CosenzaVaglioLise-2014-08-01-RobertoGalati

Da www.fsnews.it :

RFI, galleria Santomarco: iniziati lavori di ripristino
Sulla linea Paola - Cosenza. Oltre 100 tecnici al lavoro, riattivazione prevista entro il 30 aprile

Reggio Calabria, 28 marzo 2018

Sono iniziati i lavori di ripristino della linea all'interno della galleria "Santomarco", sulla linea Paola - Cosenza. Oltre 100 tecnici di Rete Ferroviaria Italiana e delle ditte appaltatrici sono all'opera da questa mattina per ripristinare i binari danneggiati dal deragliamento del treno e rinnovare i tratti di rotaia, come da pianificazione per l'anno in corso.

Saranno inoltre eseguiti lavori di manutenzione, conseguenti al mancato utilizzo dell'infrastruttura durante il periodo di sequestro, per ripristinare il corretto funzionamento dei deviatoi e degli impianti tecnologici. Le squadre hanno dato il via ai lavori dopo accurate visite tecniche, effettuate nei giorni scorsi, che hanno permesso di definire un cronoprogramma degli interventi immediati e a medio-lungo termine: la fine dei lavori è prevista per il 30 aprile, in considerazione anche dell'estensione della galleria (oltre 15 chilometri).

Conclusa la prima parte di interventi immediati, bisognerà attendere il definitivo dissequestro da parte dell'Autorità Giudiziaria per la riattivazione dell'esercizio ferroviario. Ulteriori attività manutentive saranno eseguite anche dopo la riapertura all'esercizio in orario notturno, nei periodi di sospensione del traffico ferroviario.

Pagina 17 di 62

railbook

#ferrovieDelleMeraviglie
FC FCL 353 Rogliano 2014 08 03 RobertoGalati 3

SCOPRI GLI EVENTI SPECIALI ORGANIZZATI

CON IL TRENO DELLA SILA

NEL RICORDO DEL NOSTRO CARO AMICO MARCO GAGLIARDI...

P1100429

DAI UN CONTRIBUTO ALLA NOSTRA ASSOCIAZIONE
Sostienici

copertina