Come di consueto anche quest'anno Ferrovie della Calabria prevede corse straordinarie per i festeggiamenti di Madonna di Porto, previsti l'11 giugno.

Di seguito gli orari dei treni straordinari, che andranno ad affiancarsi alla normale offerta ordinaria prevista sulla tratta Catanzaro Città - Soveria Mannelli.

Lo scorso 21 marzo, seppur un po' in sordina, è stata una nuova data che passerà alla storia del trasporto ferroviario calabrese: con la pubblicazione degli atti, sono stati infatti appaltati i lavori di messa in sicurezza dei movimenti franosi siti a Carpanzano e Scigliano, insistenti sul tracciato ferroviario della linea a scartamento ridotto Catanzaro - Cosenza, ormai da quasi 10 anni interrotta tra Soveria Mannelli e Marzi proprio a causa di tali gravissime criticità idrogeologiche. I lavori sono stati affidati al Consorzio Stabile ECIT, con sede legale a Roma, che ha indicato quale esecutrice dei lavori la consorziata Ferraro Spa (clicca qui per consultare tutta la documentazione relativa agli atti). Nello specifico, gli interventi prevedono lavori urgenti di mitigazione del rischio idrogeologico e consolidamento dei pendii e del sedime ferroviario interessato dai movimenti franosi avvenuti in corrispondenza delle progressive Km 43+350 e Km 44+500 necessari alla riapertura della linea Cosenza – Catanzaro Lido tra le stazioni di Marzi e Soveria Mannelli. Noi di Associazione Ferrovie in Calabria non possiamo che ritenerci più che soddisfatti per l'approssimarsi della vittoria di una delle tante battaglie storiche della nostra associazione portate avanti anche assieme all'amico ed attivista del territorio, Giovanni Petronio, ovvero quella di riconnettere Catanzaro a Cosenza attraverso la storica ferroviaria a scartamento ridotto, servendo in modo capillare tutti i centri ricadenti all'interno dei territori del Savuto e del Reventino. Riteniamo tra l'altro che, una volta ripristinata la continuità ferroviaria, con una buona progettazione dell'orario, sia possibile alternare servizi capillari a servizi no-stop Catanzaro - Cosenza con fermata solo in alcuni centri di maggiore importanza, abbattendo così i tempi di percorrenza tra le due aree metropolitane, a circa 1 ora e trenta minuti, connettendo peraltro i due costruendi sistemi metropolitani e tranviari di Catanzaro e Cosenza, prospettiva fortemente voluta e sostenuta dall'attuale amministrazione regionale. L'implementazione di sistemi di sicurezza sul controllo della marcia dei convogli, attualmente in corso, la sostituzione dell'armamento e la rettifica del tracciato dove possibile, porterà inoltre ad una ulteriore riduzione dei tempi di percorrenza e dell'appetibilità del treno che, già allo stato attuale, risulta comunque un mezzo di trasporto insostituibile in quei territori flagellati da pessime viabilità stradali ed in ogni caso, in quanto aree interne, soggette a lunghi periodi di maltempo invernale che rendono poco sicuri gli spostamenti su gomma. 
Ci uniamo quindi alla soddisfazione degli amici de "Il Reventino.it" e del Comune di Scigliano, che ha richiesto a Ferrovie della Calabria di poter ubicare un centro servizi e il costituendo ufficio comune per i trasporti nei locali Stazione di Scigliano.
Seguiranno aggiornamenti. 

La ripresa dei lavori di ripristino della gloriosa Ferrosilana, sul tratto di 17 km ancora sospeso all'esercizio ferroviario turistico tra San Nicola Silvana Mansio ed il capolinea di San Giovanni in Fiore, è ormai questione di giorni, con il definitivo miglioramento delle condizioni meteo (o per lo meno si spera!). 
Allo stato attuale, presso la stazione di San Giovanni in Fiore, dopo anni di totale mancanza di "vita ferroviaria", si trovano stoccate alcune centinaia di traversine biblocco in cemento armato precompresso, che verranno poste in opera nei tratti in curva della linea, fino a San Nicola Silvana Mansio. Stessa situazione nella stazione di Torre Garga: gli interventi di ripristino dell'infrastruttura ferroviaria verranno eseguiti dall'Impresa Francesco Ventura di Paola, specializzata in interventi sulle reti ferroviaria a scartamento ridotto e dotata di mezzi d'opera specifici. La riattivazione di questo tratto, chiaramente, aprirà scenari completamente nuovi ed ambiziosi, relativamente al servizio del Treno della Sila con materiale rotabile d'epoca e locomotiva a vapore FCL.353 / locomotore diesel Lm4 606. Ma non solo: la lunghezza della tratta e la varietà di aree di interesse naturalistico e culturale servite, da Moccone a San Giovanni in Fiore, potrebbe rendere possibile anche l'istituzione di servizi ferroviari turistici gestiti con automotrici d'epoca, e maggiore frequenza delle corse. 
Sogni ad occhi aperti? Forse...ma lo scenario visibile presso la stazione di San Giovanni in Fiore in questi giorni, a noi fa questo effetto!

Seguiranno aggiornamenti. 

Pagina 1 di 37

railbook

#ferrovieDelleMeraviglie
FC FCL 353 Rogliano 2014 08 03 RobertoGalati 3

SCOPRI GLI EVENTI SPECIALI ORGANIZZATI

CON IL TRENO DELLA SILA

NEL RICORDO DEL NOSTRO CARO AMICO MARCO GAGLIARDI...

P1100429

DAI UN CONTRIBUTO ALLA NOSTRA ASSOCIAZIONE
Sostienici

copertina