Quando i Santi viaggiano in treno!

4

Non siamo mancati all’appuntamento neppure quest’anno: come di consueto, infatti, il 13 giugno si è festeggiato S.Antonio in versione…su rotaia, presso il Dopolavoro Ferroviario, la stazione ferroviaria ed il Deposito Locomotive di Catanzaro Lido. 
Ricordiamo brevemente che, la particolare funzione religiosa, si tiene esclusivamente a Catanzaro Lido, in quanto S.Antonio di Padova (già di per sè molto venerato a Catanzaro) è stato “eletto” protettore dei ferrovieri dal lontano 1945, quando durante un bombardamento aereo degli Alleati, il deposito locomotive FS sito nel quartiere marinaro di Catanzaro, venne totalmente raso al suolo. Rimase integra solo una statuina di S.Antonio, esposta all’interno dell’area ferroviaria, e nessun lavoratore del deposito (tranne uno, che decise purtroppo di rifugiarsi all’interno di una vaporiera colpita in pieno da una bomba) rimase ucciso o ferito. 
Un vero e proprio miracolo, che nessuno dimentica: in onore del Santo, infatti, da anni viene effettuata una piccola processione “ferroviaria”, a bordo di una ALn668 sulla quale viene caricata la statuina…con tanto di parroco, monaci e fedeli! L’automotrice, che origina la propria corsa dal Deposito Locomotive (all’interno del quale viene celebrata una piccola messa con benedizione), normalmente fa tappa sia nella stazione ferroviaria, in particolar modo all’interno della sala DM, e sia nella vicina “ONMO”, officina grandi riparazioni per macchine da cantiere ferroviarie.
Quest’anno la corsa è stata…una corsetta, dal Deposito alla stazione e ritorno: una volta rientrata, la statuina è stata trasferita nella fresca area ricreativa del DLF, all’interno della quale si è svolta la messa “principale”, conclusasi con la distribuzione dei classici panini benedetti di S.Antonio, non prima dei ringraziamenti da parte del Presidente del Comitato per le celebrazioni di S.Antonio, Umberto Canino, e del Presidente del DLF di Catanzaro Lido Ennio Macrì. Ma la giornata di festa è proseguita anche nel pomeriggio, con una fiaccolata ed un torneo di calcetto presso i curatissimi campetti del Dopolavoro Ferroviario.
Un’iniziativa quindi dall’alta valenza storica ed identitaria per la città di Catanzaro, che a nostro parere va ulteriormente pubblicizzata e portata a conoscenza dei cittadini, a partire dal prossimo anno: il contributo dell’Associazione Ferrovie in Calabria di certo non mancherà! 

1

2

3

P1070167

P1070171

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.