Treno della Sila: il riscatto della Calabria!

rizzo

Sì, un vero e proprio riscatto di una regione che, per troppo tempo è stata rassegnata al “tanto tutto va male”, alle lotte intestine, alla mancanza di volontà nel fare qualcosa di buono, perchè in fondo, in troppi, forse speravano che tutto continuasse ad andar male per dare un senso alla propria indole irrimediabilmente infelice. 
Quella vaporiera, la mitica FCL.353, che avanza sui binari silani coperti di neve e tra le tormente, in testa alle sue vetture a terrazzini colme di viaggiatori increduli dell’esperienza che vivevano in quel momento, è una risposta storica a chi ha sempre remato contro qualsiasi miglioramento. Anche contro di noi dell’Associazione Ferrovie in Calabria, che fondiamo il nostro operato sulla propositività e sull’attivismo concreto, non facendo certo mancare le maniere forti quando è necessario.
Oltre 230.000 persone raggiunte su facebook ed oltre 1000 condivisioni del Treno della Sila immerso in un’atmosfera magica, partite da un post pubblicato sulla nostra pagina associativa, sono la risposta più sonora a chi in questa partita non ci ha mai creduto. Il video della FCL 353 sbuffante tra la neve girato dal nostro associato Pasquale Ferrarelli, rilanciato persino dal sito internet del quotidiano Repubblica (con oltre 2 milioni di visualizzazioni giornaliere da tutta Italia e dall’estero!), oltre che dalla pagina ufficiale del Presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, dalla stessa pagina ufficiale del Treno della Sila di FdC e dagli amici di Cosenza 2.0, elogiando la bellezza e l’unicità di questa ferrovia e del materiale rotabile che ci circola sopra, è un’altra risposta sonora a chi non ha creduto in tutto ciò.

repubblica

oliverio

raggiuntepersone
Tutto questo (più che meritato) boom mediatico, ovviamente, ha portato nel giro di poche ore al sold-out delle corse del treno a vapore dei giorni scorsi.
Insomma, decisamente non male come avvio della nostra collaborazione con le Ferrovie della Calabria, ufficializzata dalla convenzione firmata lo scorso 28 dicembre a Catanzaro. Una convenzione che, come si può leggere nell’articolo ad essa dedicato, riguarda (tra i tanti punti) anche la promozione e pubblicizzazione dei servizi ferroviari turistici, compreso ovviamente il Treno della Sila, anche organizzando eventi specifici ad esso connessi (coinvolgendo gli operatori turistici, le associazioni e gli enti del territorio), e dedicati ad appassionati e, ovviamente, anche alle scuole. 
Il tutto, per adesso, sulla tratta attiva tra Moccone e San Nicola Silvana Mansio, con la prospettiva di raggiungere nella prossima estate 2017 anche San Giovanni in Fiore, ed in tempi non lunghi, tornare a percorrere per intero la Ferrovia Silana (magari a bordo del Sila Express!), partendo da Pedace. Del resto, questo è l’obiettivo di Ferrovie della Calabria e della Regione Calabria, assieme alla riapertura integrale della Catanzaro – Cosenza, che si sono adoperate con successo, con il nostro supporto, per far inserire la Cosenza – Pedace – San Giovanni in Fiore all’interno della lista di linee ferroviarie individuate nel disegno di legge nazionale n.1189 dedicato proprio all’individuazione e regolamentazione delle Ferrovie Turistiche.
Il Treno della Sila è tornato, ed è tornato nella sua veste più conosciuta ed amata, ovvero nella sua eterna “lotta” con i rigori invernali della Sila: un buon auspicio per tutto il trasporto su rotaia calabrese, che mai come oggi sta conoscendo un momento di rinascita, seppur con mille difficoltà, anche per quanto riguarda i servizi ferroviari regionali ed a lunga percorrenza, ricordando sempre che l’Associazione Ferrovie in Calabria continuerà ad essere al fianco di chi si impegnerà a portare avanti le nostre istanze che per troppi anni sono rimaste totalmente inascoltate. 

15894885 857353571035062 7339144711852080478 n

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.