Treno dei tifosi Cosenza – Pescara: prove di Frecciargento per Cosenza?

Lo scorso 16 giugno, probabilmente per la prima volta nella storia, un convoglio ad assetto variabile ETR485 (in particolare il complesso n. 34), “Frecciargento”, ha raggiunto la stazione di Cosenza Vagliolise. La motivazione è stata molto particolare e, se vogliamo, è stata anche una doppia rarità per la tipologia di servizio. Il convoglio ha infatti effettuato un treno straordinario Cosenza (09:47) – Pescara (18:27) e ritorno Pescara (02:06) – Cosenza (11:21) via Paola-Caserta-Benevento-Foggia, offerto dalla Giunta Regionale della Calabria ed interamente dedicato ai tifosi del Cosenza Calcio (nello specifico alla categoria di persone con disabilità, agli appartenenti a categorie protette e associazioni di volontariato), promosso in serie B in occasione della sfida contro il Siena, tenutasi proprio nella città adriatica.

foto2

In generale, comunque, da circa 15 anni, i treni straordinari dedicati ai tifosi (peraltro da sempre effettuati con composizioni a materiale ordinario delle tipologie più datate ed in via di dismissione) sono diventati sempre di più una rarità per scelte aziendali di Trenitalia (in parte anche condivisibili, in seguito a gravissimi episodi di vandalismo dagli esiti anche tragici, come accaduto a fine anni ’90): l’esempio del Cosenza Calcio, dovrebbe essere considerato un vero e proprio caso di studio per una potenziale rinascita dei treni destinati alle tifoserie, visto l’utilizzo di materiale rotabile di alto standard qualitativo, ottima organizzazione dei controlli a terra ed a bordo treno e, soprattutto, grande rispetto del mezzo pubblico da parte dei festosi utenti del treno speciale. 
Per noi di Associazione Ferrovie in Calabria, comunque, l’aver potuto ammirare a Cosenza un convoglio ETR485, non poteva che darci uno spunto ulteriore al rilancio della proposta di istituzione di un collegamento Frecciargento tra Cosenza e Roma Termini…ovviamente da retrocedere verso Sibari e Rossano/Crotone una volta completata l’elettrificazione della tratta jonica Catanzaro Lido – Sibari. Il successo di un simile collegamento sarebbe indiscutibile, poichè non avrebbe altri mezzi di trasporto tali da poter concorrere: il bus sarebbe chiaramente troppo lento, mentre utilizzare l’aereo partendo da Lamezia Terme sarebbe comunque lungo e complicato (il transfert da Cosenza/Rossano/Corigliano/Cirò verso Lamezia Terme durerebbe più del viaggio stesso in aereo!).

Di seguito, ecco altre storiche fotografie del convoglio alla stazione di Cosenza Vagliolise:

 foto5

foto4

foto1

foto6

foto7

foto9

foto8

foto3

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.